Borse Asia-Pacifico: Chiusura negativa, Shanghai -3%

borse-asia-pacifico-chiusura-negativa-shanghai--3
© iStockPhoto

Per il listino cinese si è trattato della peggiore seduta dal novembre del 2011.

CONDIVIDI

Tutte le principali  borse della regione Asia-Pacifico hanno chiuso oggi in ribasso.

Lo Shanghai Composite ha perso il 3% a 2.325,95 punti. Si è trattato della peggiore seduta dal novembre del 2011. La Banca Centrale della Cina ha ritirato oggi ulteriore liquidità dal mercato interbancario portando l'ammontare totale per questa settimana al livello record di CNY 910 miliardi. Il Consiglio di Stato ha inoltre invitato le autorità locali a prendere delle misure per frenare la speculazione immobiliare. Tra i bancari Industrial and Commercial Bank (CN000A0LB42) ha perso l'1,4% e China Construction Bank (CN000A0HF1W3) il 2,9%. Tra i titoli dei gruppi immobiliari China Vanke (CN0008879206) ha perso l'1,1% e COFCO Property (CNE000000BJ5) il 4,1%. Tra i cementieri Anhui Conch Cement (CNE0000019V8) ha perso il 5,4% e Huaxin Cement (CN0008947318) il 6%. Il forte calo dei prezzi dei metalli ha penalizzato i minerari. Jiangxi Copper (CN0009070615) ha perso il 6%, Zhongjin Gold (CNE000001FM8) il 4,8% e Shandong Gold Mining (CNE000001FR7) il 4,4%. 
 
Tra gli altri indici della regione l'Hang Seng a Hong Kong ha perso l'1,7%, l'S&P/ASX 200 a Sydney il 2,3%, il FTSE Straits Times a Singapore lo 0,6%, il Kospi a Seul lo 0,5% e il Taiex a Taipei lo 0,9%.

Articoli correlati