Borse Asia-Pacifico: Shanghai rimbalza nel finale dopo nuovo crollo

borse-asia-pacifico-shanghai-rimbalza-nel-finale-dopo-nuovo-crollo
© Shutterstock

Lo Shanghai Composite ha perso lo 0,2% a 1.959,51 punti.

CONDIVIDI

La maggior parte delle borse della regione Asia-Pacifico ha chiuso oggi in ribasso.

Lo Shanghai Composite ha perso lo 0,2% a 1.959,51 punti. L'indice cinese ha registrato negli ultimi 90 minuti di contrattazione una spettacolare ripresa. Dopo il crollo di ieri lo Shanghai Composite era arrivato a perdere quasi il 6%.  Ling Tao, vice direttore della succursale di Shanghai della Banca Popolare Cinese, ha assicurato che le oscillazioni sul mercato monetario sono solo temporanee e che i rischi sono gestibili. Gli operatori hanno però fatto notare che il rimbalzo potrebbe essere di breve durata visto che i dubbi sulla stabilità del sistema finanziario cinesi continuano a sussistere. La maggior parte dei bancari ha potuto chiudere in rialzo. Industrial and Commercial Bank (CN000A0LB42) ha guadagnato l'1,5%, Agricultural Bank of China (CNE100000Q43) l'1,2% e Shanghai Pudong Development Bank (CN0009282731) il 3,7%. Il settore immobiliare è stato anche oggi debole. China Vanke (CN0008879206) ha perso il 2% e Poly Real Estate (CN000A0KE8T0) il 2,4%. Il calo dei prezzi dei metalli ha pesato sul settore minerario.  Aluminum Corporation of China (CNE1000001T8) ha perso il 2,1% e Zijin Mining (CNE100000502) il 2%. 

L'Hang Seng a Hong Kong ha guadagnato lo 0,2% e il FTSE Straits Times a Singapore lo 0,5%. L'S&P/ASX 200 a Sydney ha perso lo 0,3%, il Taiex a Taipei l'1,2% e il Kospi a Seul l'1%.

Articoli correlati