La Borsa di Tokyo chiude in flessione per la quarta seduta di fila

la-borsa-di-tokyo-chiude-in-flessione-per-la-quarta-seduta-di-fila
© Shutterstock

Il Nikkei ha perso l'1,3% a 14.652,23 punti e il Topix l'1,2% a 1.196,76 punti. L'apprezzamento dello yen ha pesato sugli esportatori. Salgono i petroliferi.

CONDIVIDI

La Borsa di Tokyo ha chiuso oggi per la quarta seduta di fila in ribasso. Il Nikkei ha perso l'1,3% a 14.652,23 punti e il Topix l'1,2% a 1.196,76 punti.

Nelle ultime 48 ore si è aggravata significativamente la crisi in Ucraina. La Russia ha occupato di fatto la Crimea. Il premier ucraino Arseni Iatseniuk ha parlato di una dichiarazione di guerra contro il suo Paese. Gli investitori hanno reagito alle notizie provenienti dall'Europa orientale riducendo fortemente la loro esposizione al rischio. Lo yen si è di conseguenza apprezzato rispetto alle altre principali valute.

La forza della valuta giapponese ha pesato sugli esportatori. Toyota (JP3633400001) ha perso l'1,1%, Sony (JP3435000009) l'1,1% e Canon (JP3242800005) il 2%.

Nel settore industriale Hitachi Construction Machinery (JP3787000003) ha perso il 2% e Fanuc (JP3802400006) il 2,7%. Il settore manifatturiero cinese si è indebolito ulteriormente a febbraio.

Tra i petroliferi Inpex (JP3294430008) ha guadagnato l'1,3% e Cosmo Oil (JP3298600002) il 2,1%. I timori legati alla crisi in Ucraina hanno spinto il prezzo del petrolio. Il future sul WTI è salito temporaneamente al di sopra di $104 al barile.

Articoli correlati