Borse Asia-Pacifico: Shanghai chiude ai massimi da febbraio 2013

borse-asia-pacifico-shanghai-chiude-ai-massimi-da-febbraio-2013
© Shutterstock

Lo Shanghai Composite ha guadagnato lo 0,8% a 2.391,08 punti. Ancora forti acquisti sul settore ferroviario.

CONDIVIDI

Le principali borse della regione Asia-Pacifico hanno chiuso oggi contrastate.

Lo Shanghai Composite ha guadagnato lo 0,8% a 2.391,08 punti. Era dal febbraio del 2013 che l'indice cinese non chiudeva a tali livelli. Il consiglio di Stato ha annunciato che promuoverà il consumo in sei settori, tra cui il commercio elettronico e le nuove energie. Il settore ferroviario ha brillato anche oggi. China Railway Group (CNE1000007Z2) ha guadagnato il 9,4% e China Railway Construction (CNE100000981) il 7,7%. China Railway Corporation ha comunicato che tutti i 64 progetti in programma per il 2014 sono stati approvati e saranno avviati entro la fine dell'anno. 
Maanshan Iron & Steel (CNE1000003R8) ha guadagnato un ulteriore 10%. Il produttore di acciaio ha annunciato ieri una trimestrale superiore alle attese degli analisti ed indicato che potrebbe chiudere l'intero 2014 in nero.

Tra gli altri principali indici della regione Asia-Pacifico l'Hang Seng a Hong Kong ha perso lo 0,5%, il Taiex a Taipei lo 0,2% e il Kospi a Seul lo 0,1% L'S&P/ASX 200 a Sydney ha guadagnato lo 0,5% e il FTSE Straits Times Singapore lo 0,3%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Adv