Borse Asia Pacifico: Shanghai rimbalza, miglior seduta da gennaio

Borse Asia Pacifico: Shanghai rimbalza, miglior seduta da gennaio
© Shutterstock

Lo Shanghai Composite ha guadagnato il 4,7% a 4.828,74 punti. Forti acquisti sulle utilities.

CONDIVIDI

La maggior parte delle principali borse della regione Asia-Pacifico ha chiuso oggi in ribasso.

Dopo le forti perdite delle scorse sedute lo Shanghai Composite ha guadagnato il 4,7% a 4.828,74 punti. Per il listino cinese si è trattato della migliore seduta da gennaio. Gli indici relativi al settore manifatturiero della Cina hanno registrato a maggio un leggero aumento. A mettere di buon umore gli investitori sono state inoltre le indiscrezioni di stampa secondo cui Pechino avrebbe l'intenzione di affrontare il problema del debito dei governi locali.

Il settore delle utilities ha preso il volo spinto dalla speculazione su delle possibili operazioni di M&A. Datang International Power Generation (CNE1000002Z3) ha guadagnato il 10%, Huaneng Power International (CN0009115410) il 10% e GD Power Development (CNE000000PC0) il 6,4%.

Tra i bancari Industrial and Commercial Bank (CN000A0LB42) ha guadagnato il 3,2%, Agricultural Bank of China (CNE100000Q43) il 3,6% e China Construction Bank (CN000A0HF1W3) il 5%. Secondo quanto riporta "Bloomberg" il Ministero delle Finanze della Cina potrebbe ampliare il programma di swap del debito dei governi locali a CNY 1.000 miliardi. La misura dovrebbe contribuire a migliorare la qualità degli asset delle banche.

Tra gli altri principali indici della regione Asia-Pacifico l'Hang Seng a Hong Kong ha guadagnato lo 0,6%. L'S&P/ASX 200 a Sydney ha perso lo 0,7%, il Taiex a Taipei lo 0,8% e il Kospi a Seul lo 0,6%. La Borsa di Singapore è rimasta ferma.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Adv