Borse Asia-Pacifico: Shanghai sprofonda sotto 3.000 punti

Borse Asia-Pacifico: Shanghai sprofonda sotto 3.000 punti
© Shutterstock

Lo Shanghai Composite ha perso oggi il 7,6% a 2.964,97 punti.

CONDIVIDI

Non si placa la tempesta sulle borse cinesi. Lo Shanghai Composite ha perso oggi il 7,6% a 2.964,97 punti. Era da otto mesi che l'indice non chiudeva al di sotto di 3.000 punti. La seduta è stata molto volatile. Il mercato azionario cinese ha tentato più volte il rimbalzo, ma alla fine hanno prevalso ancora una volta le vendite. Tra gli investitori sussiste una forte incertezza anche perché le misure prese dalle autorità per fermare il sell-off sono state finora poco convicenti.

Più di 700 titoli dello Shanghai Composite hanno perso oggi il 10%, il limite massimo consentito. Tra le blue chip Industrial and Commercial Bank (CN000A0LB42) ha perso il 5,1%. Per il titolo della maggiore banca cinese si è trattato dell'undicesima seduta negativa di fila. Il forte calo del prezzo del petrolio ha affossato PetroChina (CN0009365379). Il titolo del gruppo petrolifero ha perso il 10%.

Gli altri principali indici della regione Asia-Pacifico hanno registrato una ripresa. L'Hang Seng a Hong Kong ha guadagnato lo 0,7%, il Kospi a Seul lo 0,9%, il Taiex a Taipei il 3,6%, l'S&P/ASX 200 a Sydney il 2,7% e il FTSE Straits Times a Singapore l'1,5%.

Articoli correlati