La Borsa di Tokyo sprofonda. È la peggior settimana dal 2008

La Borsa di Tokyo sprofonda. È la peggior settimana dal 2008
© Shutterstock

Il Nikkei ha perso il 4,8% a 14.952,61 punti ed il Topix il 5,5% a 1.196,28 punti.

CONDIVIDI

La Borsa di Tokyo ha chiuso oggi in deciso ribasso. Il Nikkei ha perso il 4,8% a 14.952,61 punti ed il Topix il 5,5% a 1.196,28 punti. Era dall’ottobre del 2014 che il Nikkei non chiudeva sotto quota 15.000 punti. Durante l’intera settimana il Nikkei ed il Topix hanno perso rispettivamente l’11,1% e il 13%. Si è trattato per i due indici della peggiore performance settimanale dall’ottobre del 2008, ovvero dai tempi della crisi finanziaria scatenata dal collasso di Lehman Brothers.

La tensione sui mercati finanziari resta alle stelle a causa dei timori legati al rallentamento dell’economia, al declino del prezzo del petrolio e allo stato di salute delle banche europee. In questo contesto lo yen ha beneficiato ancora una volta del suo carattere difensivo salendo ai massimi da 16 mesi rispetto al dollaro. Secondo Nomura un calo del dollaro di uno yen farebbe scendere l’utile ante imposte delle compagnie giapponesi dello 0,4-0,5% e la media delle azioni del Nikkei di 400 yen.

Tra gli esportatori Toyota (JP3633400001) ha perso il 6,8%, Panasonic (JP3866800000) il 6,4%, Honda (JP3854600008) il 5,5% e TDK (JP3538800008) il 6,2%.

Softbank (JP3436100006) ha perso il 9,5%. L'utile dell’operatore di telefonia mobile è sceso lo scorso trimestre dell’88%.

Tra i petroliferi Japan Petroleum Exploration (JP3421100003) ha perso il 6,4% e JX Holdings (JP3386450005) il 4,3%. Il prezzo del petrolio ha chiuso ieri a New York ai minimi dal maggio del 2003.

Articoli correlati