Metalli: La crescita della domanda cinese si più che dimezzerà

Metalli: La crescita della domanda cinese si più che dimezzerà
La crescita della domanda cinese di metalli rallenterà fortemente. © Shutterstock

È quanto emerge dal nuovo piano quinquennale di sviluppo pubblicato oggi dal Ministero cinese dell’Industria e dell’Informatica.

CONDIVIDI

La crescita della domanda di metalli non-ferrosi da parte della Cina, il maggiore consumatore mondiale di materie prime, si più che dimezzerà fino al 2020. È quanto emerge dal nuovo piano quinquennale di sviluppo pubblicato oggi dal Ministero dell’Industria e dell’Informatica.

La domanda cinese di dieci metalli, inclusi il rame, l’alluminio e l’oro, crescerà tra il 2016 e il 2020 ad un tasso medio annuo del 4,1%, contro il 10% registrato nei cinque anni precedenti.

Il Ministero dell’Industria e dell’Informatica ha spiegato che l’economia sta volgendo verso una “nuova normalità”, in cui la crescita della domanda per i metalli rallenterà da un ritmo veloce a uno medio-basso. “Tuttavia la domanda crescerà ancora, spinta dalle nuove industrie, come il trasporto leggero, il rinnovo della rete elettrica nelle regioni rurali ed i nuovi veicoli energetici”, ha sottolineato.

Nel dettaglio, il consumo cinese di alluminio è atteso crescere ad un tasso medio annuo del 5,2%, contro il +14% nel periodo 2011-2015. La crescita della domanda di rame dovrebbe rallentare al 3,3% da +8,9% e quella di oro al 4% da +12%. Il consumo di zinco è visto aumentare dell’1,7% all’anno (dal +3,5% nei cinque anni precedenti) e toccare un apice nel 2020.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Trade indices Online
iqOption