Bank of Japan conferma stimoli, ma taglia ancora target di inflazione

Bank of Japan conferma stimoli monetari, ma taglia ancora target di inflazione
© Shutterstock

La Bank of Japan si attende ora che il suo target di un’inflazione del 2% sarà raggiunto nell’anno fiscale 2018.

CONDIVIDI

La Bank of Japan ha lasciato invariati i suoi stimoli monetari nonostante abbia ancora rinviato il suo target di inflazione.

L'istituto guidato da Haruhiko Kuroda ha confermato i suoi tassi d'interesse a -0,1% e l’obiettivo di un tasso del titolo decennale del Giappone attorno allo zero. La decisione è stata presa con sette voti a favore e due contro.

La Bank of Japan si attende ora che il suo target di un’inflazione del 2% sarà raggiunto nell’anno fiscale 2018, ovvero tra il 1 aprile del 2018 ed il 31 marzo del 2019. La modifica della previsione era stata attesa dopo che i prezzi al consumo hanno registrato nel Paese del Sol Levante una variazione negativa per sette mesi di fila. In precedenza la Bank of Japan aveva previsto di raggiungere il suo target di inflazione nell’anno fiscale 2017, ovvero tra il 1 aprile 2017 e il 31 marzo 2018.

La Bank of Japan ha confermato di prevedere che l’economia giapponese crescerà ad un ritmo moderato ma ha avvertito che i rischi per l’outlook sono orientati al ribasso.

Dopo la pubblicazione dei comunicati della Banca centrale del Giappone lo yen si è rafforzato leggermente. Il cambio dollaro-yen è attualmente pari a 104,80.

Articoli correlati