Le borse cinesi chiudono ancora in rosso

Le borse cinesi chiudono ancora in rosso
© Shutterstock

Pechino ha preso nuove misure contro il rischio di bolle finanziarie. Continuano le vendite sui bond. Ancora male il settore immobiliare.

CONDIVIDI

Le principali borse della regione Asia-Pacifico hanno chiuso oggi miste.

Lo Shanghai Composite ha perso lo 0,5% a 3.102,88 punti. Era da inizio novembre che l’indice non chiudeva a tali livelli. La banca centrale della Cina ha annunciato che serrerà i controlli del sistema bancario ombra includendo i prodotti di wealth management fuori bilancio. Si tratta solo dell’ultima delle misure prese di recente da Pechino volte ad evitare il rischio di bolle finanziarie. A pesare è stato inoltre il nuovo sell-off sui bond cinesi.

Tra i bancari Industrial and Commercial Bank (CN000A0LB42) ha perso lo 0,9%, Agricultural Bank of China (CNE100000Q43) lo 0,6% e Bank of China (CN000A0J3PX9) l’1,2%.

Il settore immobiliare è stato anche oggi debole. China Vanke (CN0008879206) ha perso il 3,7% e Poly Real Estate (CN000A0KE8T0) l’1,5%.

Il calo del prezzo del petrolio ha penalizzato i petroliferi. PetroChina (CN0009365379) ha perso l’1% e Sinopec (CN0005789556) lo 0,9%.

Tra gli altri principali indici della regione Asia-Pacifico l'Hang Seng ad Hong Kong ha perso lo 0,5% e il FTSE Straits Times a Singapore lo 0,1%. Il Kospi a Seul ha guadagnato lo 0,2%, l'S&P/ASX 200 a Sydney lo 0,5% e il Taiex a Taipei lo 0,1%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions