Cina, opportunità e rischi. L’analisi di M&G

Cina, opportunità e rischi. L’analisi di M&G
© iStockPhoto

M&G si attende che il mercato azionario cinese diventerà di importanza primaria per gli investitori azionari globali.

CONDIVIDI

Si dice che quelli che nascono nell’Anno del Gallo siano grandi lavoratori, pazienti, pieni di risorse e coraggiosi. “Queste sono le stesse caratteristiche che aiuteranno la Cina ad avere successo e a destreggiarsi tra le sfide e le opportunità” secondo Claudia Calich, responsabile del debito dei mercati emergenti nel team M&G Retail Fixed Interest. Parlando invece dell’azionario, il gestore Matthew Vaight evidenzia come “queste siano in realtà le caratteristiche a cui guardano gli investitori quando si rivolgono al mercato cinese”.

Ecco la view di Claudia Calich, manager del fondo obbligazionario M&G Emerging Markets Bond:

“Alla fine del 2017 ci saranno le elezioni dei nuovi leader cinesi: oggi, è sentito comune che l’attuale leadership non si imbarcherà in cambiamenti ambiziosi e tenderà a mantenere lo status quo, anche in aree d’intervento importanti come le aziende di proprietà statale e la gestione della valuta.

Sul fronte dei rapporti con l’estero, sarà importante monitorare l’evolversi delle relazioni con gli Stati Uniti; nel corso dell’anno, avremo più elementi per valutare come la nuova amministrazione USA affronterà i rapporti con la Cina per quanto riguarda il commercio, la geopolitica, le relazioni con Taiwan e se il Tesoro USA etichetterà il Paese come manipolatore della valuta.

Da qui al prossimo anno, la classe dirigente cinese, quella attuale e quella che sarà in carica dopo le elezioni, avrà bisogno di destreggiarsi tra queste delicate questioni, riequilibrando l’economia verso un passaggio da un modello trainato dagli investimenti a un modello di crescita trainato dai consumi, e gestendo i flussi di capitale e la valuta.

Sul fronte domestico, l’economia continua su un percorso di soft landing in quanto gli investimenti stanno rallentando a un ritmo più sostenibile. Tuttavia, nel breve periodo, le incertezze sul fronte della politica estera e i rischi politici interni alzano i livelli di incertezza”.

L’opinione di Matthew Vaight, manager del fondo azionario M&G Global Emerging Markets:

“La Cina è un mercato che cattura l’attenzione degli investitori e questo non sorprende viste le dimensioni della sua economia e della popolazione. Tuttavia, in quanto investitori azionari, crediamo che questi elementi di attrazione siano di secondaria importanza, in quanto è raro trovare riscontri sulla buona salute del settore corporate o delle valutazioni di queste società. Il numero elevato di aziende e l’enorme range tra qualità e valutazioni che si può trovare sul mercato cinese rende il Paese un mercato adatto agli investitori che selezionano le aziende basandosi sull’analisi dei singoli titoli. Detto questo, al momento non è facile trovare buone idee d’investimento. È ampiamente documentato che l’economia cinese si sta trasformando da un modello ad alta crescita verso un modello più sostenibile, dove consumi e servizi guidano la crescita economica; questa transizione è già in corso e oggi consumi e servizi contano per oltre il 50% del PIL nazionale.

È ampiamente riconosciuto che l’economia cinese è divisa in due settori: la cosiddetta ‘old economy’ basata principalmente sulla manifattura a basso costo e la spesa sulle infrastrutture, e la ‘new economy’, basata sul terziario, i consumi e internet. La old economy è in sofferenza per la capacità in eccesso, i bassi profitti e l’eccesso di debito – finanziato dal sistema bancario di proprietà statale. La new economy è invece molto innovativa e in rapida crescita.

Di conseguenza, il mercato azionario cinese è spaccato lungo queste linee, old e new economy: le società esposte alla old economy fuori dalle preferenze degli investitori e caratterizzate, di conseguenza, da valutazioni a sconto, anche se forse le loro valutazioni sono garantite. E società esposte alla new economy, molto in voga e quindi care.

Questa è la sfida principale che la Cina presenta agli investitori con approccio value: le aziende che rientrano nella definizione ‘value’ potrebbero essere potenziali ‘trappole’, mentre le aziende di migliore qualità e prospettive incoraggianti scambiano a prezzi che troviamo difficile giustificare. Data questa biforcazione nel mercato, fatichiamo a trovare molte opportunità nei settori della new economy e stiamo cercando quelle aziende lontane dai riflettori che però generano buoni profitti, ma vengono trascurate dagli investitori a causa del loro settore di appartenenza.

La Cina è un player molto importante per l’economia globale e con il tempo ci si aspetta che il suo mercato azionario cresca per dimensioni e importanza, andando a riflettere appieno la dimensione dell’economia del Paese. Per quanto riguarda la capitalizzazione, il mercato delle A-shares è il secondo mercato azionario al mondo per dimensioni, ma col tempo si aprirà ulteriormente agli investitori internazionali, attraendo capitali e andando ad incidere sugli indici azionari globali. Se si aggiunge alle società cinesi oggi disponibili agli investitori esteri (ovvero società cinesi quotate a Hong Kong – il mercato azionario H-share, e le società cinesi quotate negli USA), il mercato azionario cinese diventerà sicuramente di importanza primaria per gli investitori azionari globali e non solo per gli specialisti sugli emergenti.

A cura di M&G ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions