Borse Asia-Pacifico: Chiusura in ribasso, Shanghai ai minimi da dieci settimane

Lo Shanghai Composite ha perso lo 0,5%.

CONDIVIDI
Tutte le principali borse della regione Asia-Pacifico hanno chiuso oggi in ribasso.

Lo Shanghai Composite ha perso lo 0,5% a 2.281,45 punti. Era da dieci settimane che il listino cinese non chiudeva a tali livelli. La Banca Centrale della Cina ha tagliato a sorpresa i suoi tassi d'interesse di 25 punti base. Si è trattato del primo taglio del costo del denaro nel Paese asiatico dal 2008. La notizia ha avuto l'effetto di aumentare le preoccupazioni del mercato relative allo stato di salute dell'economia cinese. Gli investitori temono che gli importanti dati macroeconomici che verranno pubblicati durante il fine settimana saranno peggiori delle attese. Tra i bancari Industrial and Commercial Bank (CN000A0LB42) ha perso lo 0,7%, China Construction Bank (CN000A0HF1W3) lo 0,9% e China Merchants Bank (CN000A0KFDV9) il 2,9%. Tra i minerari Aluminum Corporation of China (CNE1000001T8) ha perso lo 0,5% e Jiangxi Copper (CN0009070615) lo 0,9%.
Anhui Conch Cement (CNE0000019V8) ha perso il 2,8%. Il maggiore produttore cinese di cemento ha avvertito che il suo utile potrebbe calare nel primo semestre di più del 50% a causa della debole domanda e del declino dei prezzi.

L'Hang Seng ad Hong Kong ha perso lo 0,9% a 18.502,34 punti.

L'S&P/ASX 200 a Sydney ha perso l'1,1%, il Kospi a Seul lo 0,7%, il Taiex a Taipei l'1,1% e il FTSE Straits Times lo 0,8%.
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Adv
iqOption