La Borsa di Tokyo scende ancora, peggior mese da due anni

Il Nikkei ha perso l'1,1% a 8.542,73 punti e il Topix lo 0,6% a 719,49 punti.

CONDIVIDI
La Borsa di Tokyo ha chiuso anche oggi in ribasso. Il Nikkei ha perso l'1,1% a 8.542,73 punti e il Topix lo 0,6% a 719,49 punti. A maggio il Nikkei ha perso il 10,3%. Si è trattato per l'indice del peggior mese da due anni. Gli investitori temono che la crisi del debito possa inasprirsi drammaticamente. In Grecia gli ultimi sondaggi elettorali vedono in testa il partito di sinistra radicale Syriza, che si oppone alle misure di austerità. I rendimenti dei titoli di Stato della Spagna stanno inoltre continuando a salire e sono ormai vicini a dei livelli considerati insostenibili. Tra i bancari Mitsubishi UFJ Financial (JP3902900004) ha perso lo 0,6%, Sumitomo Mitsui Financial Group (JP3890350006) lo 0,7% e Mizuho Financial Group (JP3885780001) lo 0,9%. Tra gli assicurativi T&D (JP3539220008) ha perso l'1,1%, Tokio Marine Holdings (JP3910660004) l'1,5% e Dai-ichi Life (JP3476480003) l'1,5%. Tra gli esportatori Toyota (JP3633400001) ha perso l'1,1%, Honda (JP3854600008) il 2,4%, Canon (JP3242800005) il 3,5% e Panasonic (JP3866800000) lo 0,8%. Lo yen si è rafforzato ulteriormente rispetto all'euro.
Tra i titoli dei produttori di macchine industriali Fanuc (JP3802400006) ha perso l'1,4%, Hitachi Construction Machinery (JP3787000003) il 2% e Komatsu (JP3304200003) il 2,6%. La produzione industriale è cresciuta ad aprile in Giappone meno di quanto atteso dagli economisti.
Nel settore delle utilities Tokyo Electric Power (JP3585800000) ha guadagnato il 2,6%, Chubu Electric (JP3526600006) il 6,4% e Kansai Electric (JP3228600007) il 3,2%. Il Premier giapponese Yoshihiko Noda ha dichiarato che è necessario riattivare i reattori nucleari considerati sicuri per evitare durante l'estate una crisi energetica.
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Adv
iqOption