Borse America Latina: Domina il segno più, San Paolo sale del 2,7%

Il listino brasiliano è stato spinto dai bancari e da Gerdau. L'IPC a Città del Messico ha chiuso in rialzo del 2,1%.

CONDIVIDI
Eccetto Caracas tutte le borse dell'America Latina hanno chiuso oggi in rialzo. Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato il 2,7% a 60.643,22 punti. Dopo le perdite delle scorse sedute i bancari hanno registrato una forte ripresa. Goldman Sachs ha avviato oggi la copertura sul settore bancario brasiliano con "Attractive". La casa d'investimento statunitense crede che le richieste di prestiti in Brasile continueranno a crescere. Goldman Sachs si attende inoltre una revisione al rialzo dei ratings sul debito del Brasile. Banco Bradesco (BRBBDCACNPR8) ha guadagnato il 4,1%, Banco Itau (BRITAUACNPR3) il 2,4%, Unibanco (BRUBBRCDAM14) il 2,2% e Banco do Brasil (BRBBASACNOR3) lo 0,9%. In spolvero Gerdau (BRGGBRACNPR8): +8,1% a BRL 48,90. Banco Espirito Santo ha alzato il suo target sul prezzo per il titolo dell primo produttore brasiliano di acciaio a BRL 69,70.
L'IPC a Città del Messico ha guadagnato il 2,1% a 28.789,55 punti. In luce Wal-Mart de Mexico (MXP810081010): +3,6% a MXN 38,77. Gli investitori sono ottimisti sul nuovo business plan che il colosso della distribuzione presenterà domani al pubblico. Molto bene anche América Móvil (MXP001691213): +3% a MXN 32,36. Cemex (MXP225611567) ha chiuso in rialzo dell'1,3% a MXN 28,47. Morgan Stanley ha alzato oggi il suo rating sul titolo del terzo produttore al mondo di cemento da "Underweight" ad "Equal-weight".
Tra gli altri listini del continente sudamericano il Merval a Buenos Aires ha guadagnato lo 0,4%, l'IGBC a Bogotà il 2%, l'IPSA a Santiago del Cile l'1,4% ed il General a Lima l'1,4%. L'IBVC a Caracas ha perso lo 0,8% a 34.883,51 punti.
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions