I giudizi degli analisti di oggi sulle blue chips europee

DaimlerChrysler, Deutsche Telekom, Eni, Fortis e GlaxoSmithKline.

CONDIVIDI
Questa è una lista con alcuni dei giudizi espressi oggi sulle blue chips europee dagli analisti delle più importanti banche d'affari.

DaimlerChrysler (DE0007100000)
UBS ha alzato il suo rating su DaimlerChyrsler da "Neutral" a "Buy" ed il target sul prezzo da €63 a €75. UBS ha indicato che il colosso dell'automobile dovrebbe incassare dalla vendita di Chrysler piu' del previsto. La crescita degli utili e del cash flow di Daimler sarebbe superiore a quella di Chrysler. UBS crede che Daimler ristrutturera' ora la sua divione dei veicoli pesanti. UBS attende percio' un aumento dei margini di Daimler.

Deutsche Telekom
(DE0005557508)
J.P. Morgan
ha confermato il suo rating di "Neutral" su Deutsche Telekom con un target sul prezzo a €13. Deutsche Telekom avrebbe fatto dei progressi nel primo trimestre di quest'anno. La crescita dei ricavi sul mercato domestico della telefonia mobile avrebbe superato le attese. Secondo J.P. Morgan sarebbe pero' ancora troppo presto per parlare di un punto di svolta. J.P. Morgan consiglia percio' agli investitori di attendere i risultati per il secondo trimestre.

Eni
(IT0003132476)
J.P. Morgan
ha alzato il suo rating su Eni da "Neutral" ad "Overweight" ed il target sul prezzo da €27 a €30. La banca d'affari valuta positivamente le recenti acquisizioni effettuate dall'impresa italiana. Eni sarebbe chiaramente sottovalutato rispetto ai titoli dei leader del settore.

Fortis
(BE0003801181)
Petercam ha declassato Fortis da "Buy" a "Neutral". I dati di bilancio di Fortis relativi al primo trimestre non avrebbero riservato grandi sorprese. La casa d'investimento e' inoltre scettica sull'interesse di Fortis ad ABN Amro. Petercam ha indicato che Fortis dovra' effettuare un importante aumento di capitale per finanziare un'eventuale operazione.

GlaxoSmithKline
(GB0009252882)

Goldman Sachs ha alzato il suo rating su GlaxoSmithKline da "Sell" a "Neutral" ed il target sul prezzo da 1.425 a 1.500 p. Secondo la banca d'affari i rischi del titolo sarebbero limitati agli attuali livelli. Le prospettive della pipeline dei prodotti in via di sviluppo del colosso dell'industria farmaceutica sarebbero negli ultimi tempi leggermente migliorate.
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions