Borse europee chiudono ancora deboli, vendite sui petroliferi

Borse europee chiudono ancora deboli, vendite sui petroliferi
Le borse europee hanno chiuso anche oggi deboli. © Shutterstock

Londra ha perso lo 0,6%, Francoforte lo 0,3%, Madrid lo 0,1%, Parigi lo 0,3% e Zurigo lo 0,6%. Bene AXA e Lufthansa.

CONDIVIDI

Tutte le principali borse europee hanno chiuso anche oggi in ribasso. Il FTSE 100 a Londra ha perso lo 0,6%, il DAX a Francoforte lo 0,3%, l'IBEX a Madrid lo 0,1%, il CAC40 a Parigi lo 0,3% e lo SMI a Zurigo lo 0,6%.

L'EuroStoxx 50, l'indice delle 50 principali blue chips della zona euro, è sceso dello 0,4%.

A pesare sulle borse del Vecchio Continente sono state soprattutto le perdite dei petroliferi. BP (GB0007980591) ha perso il 2,4%, Repsol (ES0173516115) l’1,3%, Royal Dutch Shell (GB00B03MLX29) -2,4% e Total (FR0000120271) il 2,3%. Il prezzo del petrolio è andato a picco dopo che l’OPEC ha annunciato di voler mantenere la sua produzione “ai livelli correnti”. Il cartello produce attualmente circa 31,5 milioni di barili al giorno, 1,5 milioni di barili oltre all’ufficiale tetto massimo di produzione di 30 milioni di barili al giorno.

AXA (FR0000120628) ha guadagnato il 3,2%. Il gruppo assicurativo francese ha annunciato un aumento del suo payout.

Lufthansa (DE0008232125) ha guadagnato il 2,5%. Il prossimo 19 gennaio inizierà la procedura di arbitrato tra la compagnia aerea e il sindacato Ufo degli assistenti di volo.

Carrefour (FR0000120172) ha guadagnato l’1,7%. Société Générale ha alzato il suo rating sul titolo del gigante del commercio al dettaglio a “Buy”.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions