Le borse europee chiudono ancora negative, a picco i minerari

Le borse europee chiudono ancora negative, a picco i minerari
Le borse europee hanno chiuso anche oggi negative. © Shutterstock

Londra ha perso l’1,6 %, Zurigo l’1,5%, Madrid il 3,1%, Parigi il 2% e Francoforte il 2,6%. Resiste Peugeot.

CONDIVIDI

Tutte le principali borse europee hanno chiuso anche oggi in deciso ribasso. Il FTSE 100 a Londra ha perso l’1,6 %, lo SMI a Zurigo l’1,5%, l'IBEX 35 a Madrid il 3,1%, il CAC40 a Parigi il 2% e il DAX a Francoforte il 2,6%.

L'EuroStoxx 50, l'indice delle 50 principali blue chips della zona euro, è sceso del 2,3%.

I segni di rallentamento dell’economia stanno aumentando. La fiducia dei consumatori francesi è a sorpresa calata a febbraio. L’indice PMI relativo al settore non manifatturiero degli USA ha registrato inoltre una contrazione per la prima volta dall’ottobre del 2013.

I titoli dei produttori di materie prime sono andati a picco. Tra i minerari Anglo American (GB00B1XZS820) ha perso il 9,6%, BHP Billiton (GB0000566504) l’8,4% e Glencore (JE00B4T3BW64) il 10,1%. Il prezzo del rame è sceso oggi significativamente a causa dei crescenti timori legati alla domanda cinese. Tra i petroliferi BP (GB0007980591) ha perso il 3%, Repsol (ES0173516115) il 4% e Royal Dutch Shell (GB00B03MLX29) il 2%. Il prezzo del petrolio ha accelerato al ribasso dopo che l’Iran ha respinto il piano volto a congelare la produzione.

Tra le poche note positive della giornata c’è stata Peugeot (FR0000121501) che ha guadagnato l’1,5% dopo essere tornata nel 2015 all’utile.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions