La BRI vede nubi nere all’orizzonte. “Vacilla fiducia nelle banche centrali"

La BRI vede nubi nere all’orizzonte. “Vacilla fiducia nelle banche centrali
I segnali negativi preoccupano gli esperti della BRI. © iStockPhoto

La BRI avverte che i margini di manovra per reagire a potenziali shock si sono ridotti.

CONDIVIDI

La BRI (Banca dei regolamenti internazionali) vede nubi nere all’orizzonte. L’organizzazione con sede a Basilea avverte nel suo ultimo rapporto mensile che i fattori negativi, come la modesta crescita e gli alti livelli di debito pubblico, continuano a persistere e potrebbero scatenare gravi turbolenze. "Potremmo star assistendo non a fulmini isolati, ma a segnali di una tempesta vicina, che si sta preparando da molto tempo", osserva Claudio Borio, capo del Dipartimento monetario ed economico della BRI.

L’esperto sottolinea che i margini di manovra per reagire a potenziali shock si sono ridotti. “Malgrado condizioni monetarie eccezionalmente espansive, la crescita nelle principali aree è stata deludente e l'inflazione è rimasta ostinatamente bassa. I mercati ne hanno preso atto e la loro fiducia nei poteri curativi delle banche centrali, forse per la prima volta, vacilla. Anche i banchieri centrali farebbero bene a prenderne atto".

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions