Borse europee: Prevale il segno più, forti acquisti sulle materie prime

Borse europee: Prevale il segno più, forti acquisti sulle materie prime
La maggior parte delle borse europee ha chiuso in rialzo. © Shutterstock

Londra ha guadagnato l’1%, Madrid lo 0,6% e Parigi lo 0,3%. I farmaceutici pesano su Zurigo. Male Commerzbank.

CONDIVIDI

La maggior parte delle principali borse europee hanno chiuso oggi in rialzo. Il FTSE 100 a Londra ha guadagnato l’1%, l'IBEX 35 a Madrid lo 0,6% e il CAC40 a Parigi lo 0,3%. Il DAX a Francoforte ha perso lo 0,3% e lo SMI a Zurigo lo 0,7%.

L'EuroStoxx 50, l'indice delle 50 principali blue chips della zona euro, è salito dello 0,1%.

Le borse del Vecchio Continente si sono indebolite nel pomeriggio a causa dell’incerto andamento di Wall Street.

Tra i singoli settori la migliore performance l’hanno registrata i produttori di materie prime. Tra i petroliferi BP (GB0007980591) ha guadagnato il 4,3%, Repsol (ES0173516115) il 3,7% e Total (FR0000120271) il 4,2%. L’OPEC ha raggiunto ieri a sorpresa un accordo preliminare per limitare la sua produzione per la prima volta da otto anni. La notizia ha messo le ali al prezzo del petrolio.

Tra i minerari Anglo American (GB00B1XZS820) ha guadagnato il 6,1%, BHP Billiton (GB0000566504) il 6,5% e Rio Tinto (GB0007188757) il 4,3%. I prezzi dei metalli industriali sono saliti anche oggi a Londra, il piombo ha raggiunto i massimi da 16 mesi.

I farmaceutici hanno chiuso deboli. AstraZeneca (GB0009895292) ha perso l’1,9%, Novartis (CH0012005267) l’1,7% e Roche (CH0012032048) l’1,1%.

Commerzbank (DE0008032004) ha perso il 3,1%. La banca tedesca ha annunciato il taglio di 9.600 posti di lavoro e la sospensione del dividendo.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions