Alluminio, RusAl: Il rally dei prezzi può durare

Alluminio, RusAl: Il rally dei prezzi può durare
RusAl si attende che l'alluminio si apprezzerà ancora. © Shutterstock

Il gruppo russo si attende per i prossimi anni un aumento del deficit sul mercato dell'alluminio.

CONDIVIDI

I prezzi dell’alluminio saliranno ancora a causa dei crescenti costi per i produttori cinesi. Lo afferma RusAl (RU000A0JR5Z5), il secondo maggiore produttore mondiale del metallo.

I prezzi del carbone termico sono saliti quest’anno di circa il 60% e l’energia è all’origine di circa il 50% dei costi complessivi che le fonderie cinesi devono sostenere per produttore alluminio, ha indicato Oleg Mukhamedshin, il vice amministratore delegato del gruppo russo in un’intervista a Bloomberg. Mukhamedshin ha aggiunto che anche i prezzi dell’allumina stanno aumentando. Sarebbe quindi improbabile che gli impianti inattivi vengano riaccesi.

“I crescenti prezzi delle materie prime stanno spingendo la curva dei costi dei produttori cinesi verso l’alto”, ha osservato Mukhamedshin. "L’attuale tendenza di una ripresa dei prezzi è sostenibile”.

L’alluminio si è apprezzato quest’anno a Shanghai del 18% e a Londra dell’11%. A spingere i prezzi è stata la forte domanda cinese, a seguito del boom nei settori del credito e delle costruzioni. La produzione è stata inoltre inferiore alle attese.

Secondo Mukhamedshin sul mercato ci sarebbe maggiore equilibrio con una produzione cinese in crescita di solo il 2% quest’anno. RusAl prevede un deficit a livello globale di 700.000 tonnellate nel 2016, di 1,2 milioni di tonnellate nel 2017 e di 1,8 milioni di tonnellate nel 2018.

Le previsioni di Mukhamedshin divergono tuttavia dalle aspettative di alcuni analisti. Citigroup e Deutsche Bank, per esempio, hanno messo in risalto i rischi di un aumento della produzione da parte delle fonderie cinesi a basso-costo dopo il recente apprezzamento dell’alluminio.

Mukhamedshin ha spiegato che le previsioni negative si fondano sull’aspettativa che altri impianti cinesi riattiveranno le operazioni, cosa che però non sta accadendo perché il settore è più consolidato e il governo ha inasprito i suoi controlli. Mukhamedshin si attende che gli analisti rivedranno le loro stime dopo essersi incontrati con i clienti al forum annuale LME Week, che inizia il prossimo 31 ottobre.

Sulla base dei dati di RusAl la domanda cinese di alluminio è cresciuta quest’anno del 9%, contro la crescita del 7% prevista precedentemente. Il gruppo minerario russo si attende per il prossimo anno un aumento della domanda del 6-7% e un calo della crescita della produzione. A causa del deficit sul mercato, le scorte di magazzino sono viste scendere ulteriormente. “I tempi dei bassi prezzi delle materie prime, stanno lentamente passando”, ha commentato Mukhamedshin.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions