La maggior parte delle principali borse europee ha chiuso oggi in rialzo. l'IBEX 35 a Madrid ha guadagnato l’1,3%, il DAX a Francoforte lo 0,5% e il CAC40 a Parigi lo 0,4%. Il FTSE 100 a Londra e lo SMI a Zurigo hanno perso lo 0,5%.

L'EuroStoxx 50, l'indice delle 50 principali blue chips della zona euro, è salito dello 0,5%.

Madrid ha sovraperformato oggi le altre borse dopo che il partito socialista spagnolo ha approvato, dopo trecento giorni in cui il Paese è rimasto di fatto senza governo, la formazione di un esecutivo di minoranza capeggiato dal popular Mariano Rajoy.

Dal fronte macroeconomico sono arrivati segnali positivi. L'indice PMI Composite per l’Eurozona è salito ad ottobre ai massimi da dieci mesi.

Tra i singoli settori la migliore performance l’hanno registrata le banche. Commerzbank (DE0008032004) ha guadagnato il 3,2%, Société Générale (FR0000130809) il 2,9% e Banco Santander (ES0113900J37) il 3,7%.

I minerari ed i petroliferi sono stati per lo più deboli. Nel settore minerario Anglo American (GB00B1XZS820) ha perso il 2,6% e Randgold Resources (US7523443098) il 2,4%. Nel settore petrolifero BP (GB0007980591) ha perso l’1,2% e Technip (FR0000131708) il 2,8%.

easyJet (GB000164199) ha guadagnato l’1,4%. UBS ha alzato il suo rating sul titolo della compagnia aerea a basso costo da “Neutral” a “Buy”.

Syngenta (CH0011037469) ha perso il 5,8%. Le autorità antitrust europee hanno espresso riserve in merito all’acquisizione del gruppo svizzero da parte di ChemChina.

Philips (NL0000009538) ha guadagnato il 4,4%. Il gruppo industriale olandese ha annunciato una trimestrale migliore delle attese degli analisti.

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA