Chiusura borse europee: Indici in rosso, pesano incertezze politiche

Chiusura borse europee: Indici in rosso, pesano incertezze politiche
© Shutterstock

Vola lo spread tra il decennale francese e quello tedesco. Forti vendite su banche e auto. Male Reckitt Benckiser. Bene Randgold.

CONDIVIDI

Tutte le principali borse europee hanno chiuso oggi in rosso. Il FTSE 100 a Londra ha perso lo 0,2%, l'IBEX 35 a Madrid l’1,1%, lo SMI a Zurigo lo 0,2%, il DAX a Francoforte l’1,2% e il CAC40 a Parigi l’1%.

L'EuroStoxx 50, l'indice delle 50 principali blue chips della zona euro, è sceso dell’1,1%.

A pesare sono state le crescenti incertezze politiche. Marine Le Pen, candidata del Front National, partito di estrema destra francese, ha dichiarato che se vincerà le elezioni presidenziali promuoverà un referendum sull’uscita della Francia dall’euro. Lo spread tra il titolo decennale francese e quello tedesco si è allargato significativamente. L’euro è precipitato a circa 1,07 dollari.

Tra i bancari Royal Bank of Scotland (GB00B7T77214) ha perso il 2%, Commerzbank (DE0008032004) il 2,9%, Société Générale (FR0000130809) il 2,4% e UBS (CH0024899483) l’1,1%. L’allentamento della regolamentazione per le banche statunitensi rende gli istituti europei meno competitivi a livello internazionale.

Vendite anche sui costruttori di automobili. Peugeot (FR0000121501) ha perso l’1,7%, Renault (FR0000131906) l’1,4% e Volkswagen (DE0007664039) il 2,1%. Bank of America Merrill Lynch ha tagliato il suo rating sul settore dell’auto a “Underweight”.

Reckitt Benckiser (GB00B24CGK77) ha perso l’1,5%. RBC ha tagliato il suo rating sul produttore di beni di consumo da "Sector Perform" ad "Underperform".

Randgold Resources (US7523443098) ha guadagnato il 4,2%. Il gruppo aurifero ha aumentato nel quarto trimestre l’utile del 76% e annunciato un aumento del suo dividendo.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions