Richemont, uno dei più noti gruppo europei operante nel comparto del lusso, ha anticipato ai propri stakeholders di attendersi un rialzo dell’utile netto di circa l’80 per cento su base annua nel corso della prima metà dell’anno in corso. La spinta al rialzo della redditività netta del gruppo sembrerebbe essere motivabile dalla fine del riacquisto di azioni proprie e da un generale miglioramento del segmento dell’orologeria.

Sulla base dei dati preliminari che verranno comunque pubblicati integralmente il prossimo 10 novembre 2017, l’utile operativo di Richemont dovrebbe così crescere su base annua di circa il 45 per cento rispetto a quanto avvenne nel corso del primo semestre dello scorso esercizio.

Per quanto concerne invece i risultati commerciali, il gruppo afferma che le vendite sono cresciute del 12 per cento su base annua a cambi costanti. Va infine ricordato che secondo le norme della Borsa svizzera, i gruppi quotati hanno l’obbligo di informare gli investitori in caso di cambiamenti significativi nei risultati rispetto a quelli attesi.

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA