Borse europee constrastate, realizzi sui bancari, crolla Metro

Madrid ha guadagnato lo 0,1% e Zurigo lo 0,5%. Francoforte ha perso l'1,3%, Parigi lo 0,7% e Milano lo 0,5%. Londra ha chiuso stabile.

CONDIVIDI
I principali indici azionari europei hanno chiuso oggi contrastati. L'IBEX 35 a Madrid ha guadagnato lo 0,1% e lo SMI a Zurigo lo 0,5%. Il DAX a Francoforte ha perso l'1,3%, il CAC40 a Parigi lo 0,7% e il FTSE MIB a Milano lo 0,5%. Il FTSE 100 a Londra ha chiuso invariato. Standard & Poor's ha messo sotto osservazione il rating di tutti i Paesi della zona euro (eccetto Cipro e la Grecia) per un possibile downgrade. La notizia ha frenato la ripresa delle borse del Vecchio Continente. Sul mercato continua ad esserci però ottimismo sul vertice dell'UE di giovedì e venerdì prossimo. La Cancelliera tedesca Angela Merkel ha indicato oggi che verranno prese delle decisioni importanti per la zona euro.
Sui bancari sono scattate delle prese di beneficio. Barclays (GB0031348658) ha perso l'1,9%, Deutsche Bank (DE0005140008) l'1,9%, Crédit Agricole (FR0000045072) il 3,2%, UniCredit (IT0000064854) l'1,3% e Credit Suisse (CH0012138530) lo 0,2%.
Metro (DE0007257503) ha perso il 13,9%. Il gigante della distribuzione ha lanciato un profit warning.
RWE
(DE0007037129) ha chiuso in ribasso del 7,2%. Il gigante tedesco delle utilities ha annunciato un aumento di capitale.
Eni (IT0003132476) ha guadagnato lo 0,5%. Deutsche Bank ha promosso il titolo del gruppo petrolifero da "Hold" a "Buy".
Wolseley (GB0009764027) ha chiuso in rialzo del 3,6%. Il leader mondiale degli articoli idraulici ha registrato una solida performance nel suo primo trimestre fiscale.
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions