Borsa Milano in rosso a metà giornata, crolla Saipem

Borsa Milano in rosso a metà giornata, crolla Saipem
La Borsa di Milano ha virato in rosso. © Shutterstock

Male UniCredit e Fiat Chrysler. Volano i cementieri con Italcementi.

CONDIVIDI

Dopo un'apertura positiva la Borsa di Milano ha virato in rosso. Il FTSE MIB scende al momento dell'1,1% a 23.076,88 punti.

Con l'avvicinarsi della fine della riunione della Fed sui mercati sta aumentando il nervosismo. Anche le altre borse europee si sono indebolite. Su Piazza Affari pesano inoltre le forti perdite di alcuni titoli di peso.

Saipem (IT0000068525) perde il 6,9%. Il gruppo di ingegneristica petrolifera ha chiuso il primo semestre in rosso di €920 milioni e tagliato le sue stime per il 2015.

UniCredit (IT0000064854) perde il 2,8%. Intermonte si attende che l'istituto di credito dovrà rivedere i target di utile netto per tener conto di un livello di tassi ben inferiore alle previsioni.

Fiat Chrysler (NL0010877643) perde il 2,2%. La rivale Volkswagen (DE0007664039) ha tagliato le stime sulle sue vendite nel 2015.

Italcementi (IT0001465159) guadagna il 48%. Italmobiliare (IT0000074598), la holding della famiglia Pesenti, ha annunciato ieri di aver raggiunto un accordo per vendere a HeidelbergCement (DE0006047004) la sua partecipazione nel produttore di cemento (pari al 45% del capitale) ad un prezzo di €10,60 per azione, per un controvalore totale di circa €1,67 miliardi. Successivamente al closing dell’operazione il gruppo tedesco lancerà un’Opa obbligatoria per cassa sul restante capitale di Italcementi al medesimo prezzo per azione corrisposto ad Italmobiliare.

Tra gli altri cementieri Buzzi Unicem (IT0001347308) guadagna l'8,2% e Cementir (IT0003126783) il 5,5%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions