Il Tesoro esce da Poste

Il Tesoro esce da Poste
Il Tesoro uscirà da Poste.

Il 35% del gruppo postale passerà a Cassa Depositi e Prestiti, mentre il restante 29,7% del capitale sarà messo sul mercato.

CONDIVIDI

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) uscirà da Poste Italiane (IT0003796171). Il 35% del gruppo postale passerà a Cassa Depositi e Prestiti, mentre il restante 29,7% del capitale sarà messo sul mercato.

La prima operazione sarà fatta attraverso un aumento di capitale della Cdp del valore di €2,9 miliardi riservato al Tesoro, che aumenterà in questo modo la sua quota in Cdp a circa l’85%.

La partecipazione sarà assegnata alla gestione separata di Cdp. Il conferimento sarà realizzato successivamente alla data di stacco del dividendo di Poste prevista per il prossimo 20 giugno.

Il Tesoro intende poi collocare sul mercato la restante quota di Poste, pari al 29,7% del capitale. Il collocamento – indica il MEF in una nota - "avverrà secondo i criteri che verranno deliberati dal prossimo Consiglio dei Ministri con apposito DPCM".

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions