CSC: La produzione industriale rallenta, imprenditori meno ottimisti

CSC: La produzione industriale rallenta, imprenditori meno ottimisti
La produzione industriale italiana ha rallentato. © Shutterstock

Il CSC rileva per maggio un aumento della produzione industriale dello 0,3%, contro il +0,4% di aprile.

CONDIVIDI

Il Centro Studi di Confindustria (CSC) rileva per maggio un aumento della produzione industriale dello 0,3%, contro il +0,4% stimato per aprile.

Su base annua la produzione, al netto del diverso numero di giornate lavorative, è avanzata a maggio dell'1,5%. In aprile si era avuto un aumento dell’1,4% sullo stesso mese dell’anno scorso.

Nell'intero primo trimestre 2016 l’attività è cresciuta dello 0,8% sul quarto 2015, quando si era avuto una crescita nulla sul precedente. La variazione congiunturale acquisita per il secondo trimestre 2016 è di +0,1%.

La variazione congiunturale acquisita per il secondo trimestre 2016 è di +0,3%, si legge nell'indagine rapida del CSC.

Gli ordini in volume hanno registrato una crescita dello 0,2% in maggio su aprile (+4,8% su maggio 2015), quando erano aumentati dello 0,4% su marzo (-0,4% sui dodici mesi).

Il CSC indica che valutazioni degli imprenditori sono meno ottimistiche rispetto ai mesi scorsi e non lasciano intravedere un'accelerazione dell'attività in estate. L'indicatore di fiducia nel manifatturiero (indagine Istat) è diminuito in maggio (-0,6 punti su aprile, a 102,1), annullando l'aumento dei due mesi precedenti. Tra le componenti, sono peggiorati i giudizi sui livelli di produzione (saldo a -12 da -11 di aprile) e sugli ordini totali (a -15 da -14, per il calo di quelli esteri). Sono rimaste invariate, rispetto ad aprile, le attese di produzione e ordini.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions