La Borsa di Milano ha chiuso oggi in forte rialzo. Il FTSE MIB ha guadagnato il 2% a 17.975,49 punti. Lo spread tra il BTP e il Bund è sceso a 138 punti base.

Janet Yellen ha espresso ieri ottimismo sulle prospettive dell’economia e ribadito che il rialzo dei tassi sarà graduale. Il numero uno della Fed non ha tuttavia fornito dettagli sulla tempistica della stretta monetaria. L’Eurostat ha rivisto inoltre questa mattina al rialzo il PIL dell’Eurozona nel primo trimestre a +0,6%.

In questo contesto il clima a Piazza Affari è stato oggi decisamente positivo. Tra i singoli settori la migliore performance l’hanno registrata le banche. Banca Popolare di Milano (IT0000064482) ha guadagnato il 7,6%, Banco Popolare (IT0004231566) il 6,1%, UniCredit (IT0000064854) il 3,3%, Intesa Sanpaolo (IT0000072618) l'1,7%, Banca Popolare dell'Emilia Romagna (IT0000066123) il 4,7%, Banca MPS (IT0001334587) il 5,2%, Mediobanca(IT0000062957) l’1,7% e UBI Banca (IT0003487029) il 4,1%. A spingere gli acquisti sui bancari è stato l’aumento dell’ottimismo relativo alla ricapitalizzazione di Veneto Banca.

I petroliferi hanno beneficiato dell’ulteriore aumento del prezzo del petrolio. Saipem (IT0000068525) ha guadagnato il 5,6% e Tenaris (LU0156801721) il 4,9%.

CNH Industrial (NL0010545661) ha perso lo 0,8%. Dopo il rally di ieri sul titolo sono scattate delle prese di beneficio.

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA