Dopo il rally di ieri la Borsa di Milano ha chiuso oggi in moderato ribasso. Il FTSE MIB ha perso lo 0,4% a 17.909,70 punti. Lo spread tra il BTP e il Bund è sceso a 135 punti base.

Tutte le principali borse europee sono state oggi deboli. Con l’avvicinarsi della riunione della Fed e del referendum sul “Brexit” l’incertezza sta crescendo sui mercati. La Banca Mondiale ha tagliato le sue stime sulla crescita globale.

I bancari hanno riperso buona parte del terreno guadagnato ieri. Banca Popolare di Milano (IT0000064482) ha perso il 2,1%, Banco Popolare (IT0004231566) il 3%, UniCredit (IT0000064854) il 4,6%, Intesa Sanpaolo (IT0000072618) l'1,2%, Banca Popolare dell'Emilia Romagna (IT0000066123) il 3,2%, Banca MPS (IT0001334587) il 2% e UBI Banca (IT0003487029) il 3,5%. L’agenzia di rating Fitch ha avvertito che il settore bancario italiano avrà bisogno di provvedere a ulteriori accantonamenti e questo potrebbe comportare nuovi aumenti di capitale.

I petroliferi sono stati anche oggi positivi grazie al nuovo aumento del prezzo del petrolio. Saipem (IT0000068525) ha guadagnato il 4,9% e Tenaris (LU0156801721) l’1,7%.

Generali (IT0000062072) ha guadagnato l’1,9%. UBS ha alzato il suo rating sul titolo del gruppo assicurativo a “Buy”.

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA