Piazza Affari apre in rosso, sale tensione per referendum

Piazza Affari apre in rosso, sale tensione per referendum
© Shutterstock

Il FTSE MIB perde circa l'1%. Realizzi sui petroliferi. Sale controtendenza Banca MPS.

CONDIVIDI

La Borsa di Milano ha aperto oggi in rosso. Il FTSE MIB perde al momento l’1% a 16.923,59 punti. Lo spread con il Bund è in calo a 166 punti, dai 169 punti base di ieri sera. Il tasso del BTP a dieci anni passa a 2,01% da 2,05% di ieri.

A soli due giorni dal referendum costituzionale la tensione è in crescita a Piazza Affari. Gli investitori sono restii ad esporsi a rischi. Nel settore bancario Mediobanca (IT0000062957) perde l’1,5% e UBI Banca (IT0003487029) l’1,8%.

Tra i petroliferi Eni (IT0003132476) perde l’1% e Saipem (IT0000068525) l’1,6%. Dopo l’eccezionale rally delle scorse sedute il prezzo del petrolio scende questa mattina.

STMicroelectronics (NL0000226223) perde l’1,2%. Il Nasdaq ha chiuso ieri per la seconda seduta di fila in netto ribasso.

Banca MPS (IT0001334587) guadagna controtendenza l’1,6%. Oggi (ore 16:00) scade il periodo di adesione all'offerta per la conversione del debito subordinato in azioni che non include il Fresh 2008 da 1 miliardo di euro. Intanto la banca senese ha comunicato questa mattina di aver rinnovato fino al 2027 la partnership strategica nella bancassurance vita e danni e nella previdenza complementare con AXA (FR0000120628).

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions