La Borsa di Milano apre in rosso nonostante il balzo di Luxottica

La Borsa di Milano apre in rosso nonostante il balzo di Luxottica
© Shutterstock

Il FTSE MIB perde circa l'1%. Vendite sui bancari. Male Fiat Chrysler e Generali.

CONDIVIDI

La Borsa di Milano ha aperto oggi in rosso. Il FTSE MIB scende al momento dello 0,9% a 19.331,99 punti. Lo spread sale a 167 punti, dai 164 punti di venerdì sera. Il tasso sul Btp a 10 anni passa a 1,913% da 1,903%. L'agenzia Dbrs ha tagliato il rating sovrano dell’Italia di un gradino, portandolo da A (low) a BBB (high).

Secondo la stampa britannica la premier Theresa May annuncerà domani di voler siglare un divorzio chiaro dall'Unione europea, una “hard Brexit”. La sterlina si deprezza perciò fortemente. A pesare sui mercati sono anche i timori legati alle politiche del futuro presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Quest’ultimo entrerà alla Casa Bianca venerdì prossimo.

I bancari sono deboli. Banco Bpm (IT0005218380) perde il 3,2% e UniCredit (IT0000064854) il 2,3%.

Fiat Chrysler (NL0010877643) perde il 2,7%. Sul titolo continua a pesare la vicenda della presunta manipolazione dei dati sulle emissioni diesel.

Generali (IT0000062072) perde il 2,4%. Deutsche Bank ha tagliato il suo rating sul gruppo assicurativo da “Hold” a “Sell”.

Luxottica (IT0001479374) guadagna il 14,3%. Il gruppo ha annunciato la sua fusione con Essilor (FR0000121667). L’operazione darà vita a un colosso del settore dell'occhialeria, con ricavi combinati superiori a 15 miliardi di euro (Essilor e Luxottica annunciano fusione, nasce colosso degli occhiali).

Saipem (IT0000068525) perde l’1,4%. Macquarie ha tagliato il suo rating sul gruppo di ingegneristica petrolifera da “Neutral” ad “Underperform”.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions