Chiusura Borsa Milano: FTSE MIB ancora in rosso, crolla UniCredit

Chiusura Borsa Milano: FTSE MIB ancora in rosso, crolla UniCredit
© iStockPhoto

Si allarga ulteriormente lo spread. Frena Generali. Vendite sui petroliferi. STMicroelectronics allunga. Bene Luxottica.

CONDIVIDI

La Borsa di Milano ha chiuso oggi per la seconda seduta di fila in rosso. Il FTSE MIB ha perso lo 0,6% a 19.329,26 punti.

Wall Street ha aperto debole dopo che il PIL degli Stati Uniti è aumentato nel quarto trimestre del 2016 meno di quanto atteso dagli economisti. Su Piazza Affari ha continuato inoltre a pesare l’incertezza causata dalla decisione della Consulta sull’Italicum che ha possibilmente aperto la porta alle elezioni anticipate. Lo spread è tornato in prossimità di 180 punti base. Il tasso del BTP a dieci anni è salito fino al 2,28%, aggiornando i massimi dall’estate del 2015.

UniCredit (IT0000064854) ha perso il 5,2%. Secondo indiscrezioni di stampa l’aumento di capitale dell’istituto potrebbe partire già lunedì 6 febbraio ed incorporare uno sconto del 40% rispetto al prezzo teorico ex diritto. Il vice-presidente Fabrizio Palenzona ha inoltre affermato che il gruppo non intende cedere la sua quota in Mediobanca(IT0000062957). La notizia ha ridotto l’appeal speculativo del titolo.

Dopo il rally delle scorse sedute Generali (IT0000062072) ha perso l’1,5%. Carlo Messina, l’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo (IT0000072618), ha affermato che la banca farà un’offerta per il gruppo assicurativo solo al “giusto prezzo” e se potrà preservare la sua forza patrimoniale e la capacità di remunerazione degli azionisti.

Il calo del prezzo del petrolio ha penalizzato i petroliferi. Eni (IT0003132476) ha perso l’1,2%, Saipem (IT0000068525) lo 0,4% e Tenaris (LU0156801721) l’1,2%.

Poste Italiane (IT0003796171) ha perso lo 0,8%. Secondo il “Sole24Ore” il Tesoro procederà con la seconda tranche del collocamento del gruppo postale entro la fine del primo semestre di quest’anno.

STMicroelectronics (NL0000226223) ha guadagnato un ulteriore 3,6%. Dopo i convincenti risultati trimestrali, alcune banche d’affari hanno alzato oggi il loro rating sul titolo

Luxottica (IT0001479374) ha guadagnato il 2,2%. HSBC ha alzato il suo rating sul leader del settore dell'occhialeria da “Hold” a “Buy”.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions