Saipem: forte trend ribassista prosegue, quotazione può scendere fino a 3,1 euro

Saipem: forte trend ribassista prosegue, quotazione può scendere fino a 3,1 euro
© Shutterstock

Nessuna ripartenza per la quotazione Saipem. Il titolo continua a deprezzarsi per colpa del petrolio

CONDIVIDI

Nessuna ripartenza per il titolo Saipem. La quotazione della società attiva nel settore oil sta invece registrando una flessione continua che sembra oramai assumere una dimensione preoccupante. Se andiamo a guardare al grafico relativo alla quotazione Saipem, possiamo notare come la spinta ribassista negli ultimi giorni sia aumentata di intensità mettendo fine ad ogni sono di recupero. 

Il prezzo delle azioni Saipem resta quindi schicciato verso il basso tanto che molti traders parlano oramai apertamente di una possibile discesa fino a quota 3,1 euro. Se davvero la quotazione Saipem dovessere precipitare fino a questo livello, la perdita per chi ha scelto di comprare azioni Saipem puntando su un ritorno sopra quota 4 euro, ritenuto possibile appena alcuni mesi fa, sarebbe molto consistente.

Come già avvenuto nelle recenti sedute, la flessione del titolo Saipem è dovuta al forte deprezzamente del petrolio. Non è quindi un caso che tra le peggiori di oggi del Ftse Mib, non ci siano solo Saipem ma tutti i titoli che sono legati al prezzo del petrolio a partire da Eni e da Tenaris.

Dal punto di vista grafico, i recenti e ripetuti tonfi di Saipem hanno ovviamente peggiorato tantissimo le prospettive del titolo. Alla luce di quella che è la situazione attuale, se Saipem non dovesse riuscire a ripartire, la possibilità concreta di una caduta fino a 3,1 euro sarebbe molto alta. Importante specificare che quando parliamo di "ripartenza" ci riferiamo ad un rilancio reale della quotazione e non ai fuochi di paglia che pure hanno recentemente caratterizzato l'andamento del titolo Saipem.

Se il supporto in area 3,1 euro dovesse essere abbattuto, per la quotazione Saipem si potrebbe quindi aprire una discesa fino a 2,88 euro. Al di sotto di questo livello, il successivo supporto sarebbe collocato in area 2,62 euro. Un simile affondo verso livelli così bassi potrebbe essere possibile se la quotazione del petrolio dovesse continuare con la sua fase ribassista. 

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions