Aumento capitale UBI Banca: è stato un successo, investitori "credono" nella banca

Aumento capitale UBI Banca: è stato un successo, investitori

L'aumento di capitale da 400 milioni di euro di UBI Banca si è chiuso con un boom di adesioni

CONDIVIDI

Sull'aumento di capitale di UBI Banca da 400 milioni di euro, gli azionisti sembrerebbero essersi fidati ciecamente dei consigli degli investitori. Il giorno precedente alla partenza dell'operazione, infatti, tantissimi tra broker e banche d'affari, avevavo esortato gli azionisti UBI ad aderire all'operazione. A voler essere precisi, prima dell'avvio dell'aumento di capitale di UBI Banca non c'era stato neppur un solo analista che aveva guardato con scetticismo all'operazione. Sotto questo punto di vista, quindi, si può affermare che la ricapitalizzazione di UBI Banca è stata certamente un successo. 

Tra l'altro non bisogna dimenticare che durante tutta la durarta dall'operazione, la quotazione UBI Banca ha registrato in borsa forti oscillazioni positive. Grazie al favore con cui il mercato ha guardato all'aumento di capitale di UBI Banca, quindi, chi ha scelto di investire in questo titolo ha registrato forti profitti (ricordiamo che per investire in azioni UBI Banca non per forza bisogna comprare i titoli ma è anche possibile scommettere attraverso il trading di Cfd). 

Fatta questa premessa, vediamo ora quelli che sono stati i risultati dell'operazione. Secondo i dati finali comunicati dalla stessa banca bergamasca, le adesioni all'operazione sono state pari al 99,31% per un ammontare complessivo pari a 397,2 milioni di euro. UBI Banca ha reso noto che i diritti di opzioni non esercitati saranno offerti in Borsa a partire dalla seduta del prossimo 30 giugno. I numeri dicono che, al di la del termine del periodo, il collocamento dei diritti non esercitati relativi all'aumento di capitale di UBI Banca, dovrebbe chiudersi molto velocemente.

Ricordiamo che l'aumento di capitale da 400 milioni di euro è stato varato dalla banca bergamasca per mantenere il Cet1 al di sopra di una certa soglia anche dopo l'acquisizione di Nuova Banca Marche, Nuova Banca Etruria e Nuova Cassa di Risparmio di Chieti. L'operazione di acquisto di tre delle quattro good banks creato dal governo nell'ambito del cosiddetto decreto Boschi, vide UBI Banca pagare un corrispettivo simbolico di 1 euro. 

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions