Azioni Unicredit: sfondamento verso 18 euro improbabile ma Bankitalia sostiene rialzo di oggi

Azioni Unicredit: sfondamento verso 18 euro improbabile ma Bankitalia sostiene rialzo di oggi
© iStockPhoto

La quotazione Unicredit prova a riprendere la marcia verso i 18 euro ma non è facile

CONDIVIDI

Quotazione Unicredit in significativa variazione in Borsa oggi. Il titolo della nota banca sta registrando un rialzo di quasi 2 punti percentuali riagganciando quota 17,50 euro per azione. Dal grafico intraday relativo alla quotazione Unicredit emerge che il livello massimo in Borsa oggi è stato raggiunto a 17,56 euro, comunque lontano rispetto al valore di 17,24 euro emerso al momento dell'apertura delle negoziazioni. Grazie al rialzo, Unicredit si impone come la migliore azione del settore bancario a Piazza Affari oggi

La progressione, iniziata già ieri con il prezzo delle azioni Unicredit che è passato a 17,18 euro dai 16,73 euro della chiusura di venerdì, riporta la quotazione ai massimi dallo scorso 29 agosto e permette di mettere nel mirino due distinti livelli: 17,8 euro e soprattutto 18 euro valutazione, quest'ultima, che venne toccata il 16 agosto scorso. La possibilità che Unicredit possa tornare ai livelli di metà agosto sembra essere remota anche perchè non ci sono notizie forti (analisi fondamentale) che siano capaci di guidare il rialzo. L'apprezzamento della quotazione Unicredit sarebbe frutto di un rimbalzo tecnico. Se si va a guardare al grafico relativo all'andamento del titolo, emerge con evidenza che il trend attivato a partire dalla seduta di venerdì scorso si poggia sulla caduta del prezzo delle azioni a 16,55 euro nella seduta del precedente giovedì. Puri movimenti tecnici, quindi, stanno guidando il rialzo del titolo Unicredit in Borsa oggi

Volendo essere più precisi e considerando il fatto che tutte le azioni delle banche sono oggi positive (UBI Banca +1,4%, Mediobanca +1,22%), si può dire che i dati di Bankitalia sul settore del credito stanno sostenendo i titoli bancari e quindi Unicredit. Via nazionale ha reso noto che nel mese di luglio i prestiti alle famiglie sono saliti del 2,7% (contro il +2,6% del mese precedente) mentre quelli ascrivibili alle società non finanziarie dello 0,5% (erano rimasti stabili in giugno). Variazione positiva anche per depositi del settore privato che sono saliti del 3,5% (sia pure in calo rispetto al +4,5% del mese precedente) mentre le sofferenze su crediti sono calate del 5,1% su base annua contro il +4,4% il mese precedente. I dati snocciolati dalla Banca d'Italia sulla qualità del credito a lugno fanno certamente bene al settore e sono un supporto per chi sceglie di investire in azioni delle banche tra le quali la stessa Unicredit. 

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions