Nel corso del primo semestre 2017 Poste Italiane ha ottenuto ricavi di periodo per 18 miliardi di euro, in aumento del 2% sullo stesso periodo 2016, un utile netto di 510 milioni di euro, in calo del -9,7% su base annua e un risultato operativo di 847 milioni di euro, in aumento di +0,5%. Al netto delle partite straordinarie l'utile operativo sarebbe però stato pari a 912 milioni di euro, con un deciso rialzo del 26% anno su anno.

Ricordiamo infatti, per un miglior confronto di periodo, che nella prima metà dello scorso anno Poste Italiane aveva beneficiato di una plusvalenza positiva per la cessione della quota in Visa Europe, mentre quest'anno il Gruppo ha contabilizzato maggiori accantonamenti.

Per quanto concerne il futuro, di particolare interesse sono gli step che la società sta pianificando: sono infatti previsti il rafforzamento delle partnership nell'asset management e una maggiore offerta di prodotti alla clientela. È inoltre possibile (lo sostengono alcune fonti di stampa) che Poste Italiane stia studiando il debutto nel settore delle polizze RC Auto tramite Poste Assicura, la compagnia Danni controllata direttamente da Poste Vita: si tratterebbe di un progetto interessante, valutata la forza della rete distributiva di Poste.

In attesa di saperne di più, gli analisti guardano con crescente interesse al titolo, e al suo discreto dividend yield. Ricordiamo che nel 2016 Poste Italiane ha distribuito un dividendo pari a 0,39 euro per azione con un dividend yield del 6%.

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA