Investire nelle utility, Rbc ci indica 5 titoli da non perdere di vista

utility

Alcuni consigli di investimento nel settore delle utility: 5 titoli da super performance!

CONDIVIDI

Per il momento le trimestrali delle aziende europee che operano nel settore utility non hanno deluso le attese degli analisti. E Rbc è particolarmente fiducioso sull’individuare almeno 5 titoli che stanno usufruendo di una performance superiore a quella del mercato e che potrebbero pertanto essere un utile oggetto per i vostri trade.

Cominciamo da Sse, che gli analisti della banca premiano con un rating outperform e target price di 1.550 pence, con potenziale di rialzo dalle quotazioni attuali pari all'11%. Il gruppo capitalizza 14 miliardi di sterline, può vantare dei solidi fondamentali e ottime prospettive di crescita. Il rendimento della cedola è stimato nel 6,7% nel 2017 e nel 6,9% nel 2018, con un p/e che dovrebbe scendere da 12 a 11.

Buona view anche per la nostrana Snam. Anche in questo caso Rbc attribuisce un rating outperform con performance superiore al mercato, e target price pari a 4,75 euro, con un margine di apprezzamento dell'11% rispetto alle quotazioni attuali. Rispetto a Terna il titolo, che può oggi vantare una capitalizzazione pari a 14,3 miliardi di euro, può essere accreditato di multipli borsistici sicuramente più attraenti. In aggiunta a ciò, gli analisti dell’istituto ritengono che le buone prospettive di crescita reddituale possano consentire di incrementare il dividendo, con un dividend yield 2018 stimato al 5,2%. Il titolo tratta 13 volte l'utile 2017 e 2018.

Terzo titolo individuato tra i rating outperform del comparto è quello di Engie, con target price pari a 16,50 euro, con potenziale di rialzo dalle quotazioni attuali del 13%. Il gruppo capitalizza 35 miliardi di euro, tratta a sconto rispetto alla media storica e ai concorrenti del settore, e può puntare a un rendimento della cedola 2018 probabilmente pari al 4,8%. Il p/e sale da 14 del 2017 a 14,9 nel 2018.

Quarto titolo outperform è Rwe, con target price 25,50 euro e conseguente margine di potenziale apprezzamento rispetto alle quotazioni attuali pari al 19%. Rispetto ai concorrenti il titolo risulta essere ben sottovalutato, valutate anche le buone prospettive di crescita e il miglioramento dei fondamentali. Il dividend yield 2018 del titolo, che capitalizza 13 miliardi di euro, è stimato al 3,3%. Il p/e sale da 14,2 del 2017 a 18,9 nel 2018.

Infine, Rbc punta gli occhi su Severn Trent, con rating outperform e performance superiore al mercato. Il target price ipotizzato è pari a 2.650 pence, con conseguente potenziale di rialzo dalle quotazioni attuali del 24%. Il titolo capitalizza 5 miliardi di sterline, tratta a sconto rispetto alla media storica e ai concorrenti del settore e punta a un rendimento della cedola 2018 pari al 4%. Il p/e scende da 17,3 nel 2017 a 14,3 nel 2018.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions