La Borsa di Milano frena, male le banche e Impregilo

Dopo cinque sedute positive di fila la Borsa di Milano ha chiuso oggi in ribasso. Il FTSE MIB ha perso lo 0,8% a 14.381,20 punti. Il rapporto deficit/PIL dell'Italia è salito nel primo trimestre del 2012, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, dal 7% all'8%. La notizia ha fatto riaumentare la tensione sul mercato obbligazionario. Lo spread tra il BTP decennale ed il Bund è risalito oggi al di sopra di 430 punti base. Sui bancari sono scattate di conseguenza delle prese di beneficio. UniCredit (IT0000064854) ha perso l'1,7%, Intesa Sanpaolo (IT0000072618) il 3,1%, Banco Popolare (IT0004231566) il 2,3%, Mediobanca (IT0000062957) il 2%, Banca MPS (IT0001334587) l'1,8% e UBI Banca (IT0003487029) l'1,8%. Impregilo (IT0003865570) ha chiuso in ribasso del 3,2%. Secondo quanto riporta "Milano Finanza" il gruppo Gavio starebbe considerando un'azione legale contro la raccolta di deleghe di Salini.
Mediaset (IT0001063210) ha guadagnato il 5,6%. Secondo quanto riporta il "Sole 24 Ore" il network televisivo tedesco RTL e Al-Jazeera sarebbero interessati ad un'alleanza con il gruppo italiano dei media nella pay-TV. Fiat (IT0001976403) ha guadagnato il 4,8%. L'amministratore delegato, Sergio Marchionne, ha dichiarato che se il mercato italiano dovesse rimanere a un milione e quattrocentomila auto uno degli impianti italiani dovrebbe essere chiuso.

MiglioriPeggiori
Mediaset+5,6 %Impregilo-3,2 %
Fiat+4,8 %Intesa Sanpaolo-3,1 %
Ansaldo STS+3,3 %Banca Pop Milano-2,9 %
Atlantia+2,3 %Azimut-2,8 %
Autogrill+1,8 %Banca Pop E. Rom-2,5 %

Articoli correlati