i giudizi degli analisti di oggi sulle blue chips europee

CONDIVIDI
Oggi alcuni investitori avranno l'impressione di rivivere alcuni momenti degli anni della new economy. Ben due società impegnate nel commercio elettronico debuttano infatti questo pomeriggio al Nasdaq. Non accadeva dall'anno boom 2000. Si tratta di Blue Nile (ISIN: US09578R1032) e Alibris (ISIN: US01609T1097). L'IPO più interessante è sicuramente quella di Blue Nile. La società con sede a Seattle è uno dei primi gioiellieri al mondo online. L'interesse degli investitori alla IPO è stato molto alto perchè Blue Nile ha la peculiarità di essere già profittabile. Nel suo quarto trimestre fiscale terminato lo scorso 31 marzo Blue Nile ha fatturato $35,8 milioni e registrato un utile netto di $1,9 milioni. La domanda di azioni ha superato l'offerta cosìcchè il prezzo di collocamento è stato fissato a $20,50, al di sopra della forchetta indicativa di $17,50-$19,50. Blue Nile ha raccolto circa $77 milioni e quoterà al Nasdaq con il ticker NILE.
Alibris (ALBR) è una società californiana che vende prevalentemente libri online. Nel primo trimestre di quest'anno Alibris ha fatturato $13,8 milioni e registrato perdite di $901000 (primo trimestre 2003: $10,4 milioni e -$1,5 milioni). L'impresa vorrebbe raccogliere circa $35 milioni. Il prezzo di collocamento verrà determinato attraverso una cosìddetta asta olandese. Per gli investitori sarà interessante osservare l'andamento di questa operazione in vista di un'altra IPO, ben maggiore e molto più attesa di quella di Alibris, che sarà fatta sulla base di un'asta olandese: quella di Google.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions