L'OPEC prevede che la domanda per il suo petrolio si attesterà nel 2016 a 31,52 milioni di barili al giorno. Si tratta di una riduzione di circa 90.000 barili rispetto alla precedente stima.

L’OPEC indica nel suo ultimo rapporto mensile che i rischi per l’economia restano orientati al ribasso. “La crescente volatilità in diversi mercati riflette l’aumento dell’incertezza sul futuro”. Il cartello dei produttori di greggio ha rivisto al ribasso le proprie stime sul PIL globale nel 2016 a +3,1%.

L'OPEC continua ad attendersi che la domanda globale di petrolio crescerà quest’anno di 1,25 milioni di barili al giorno a 94,23 milioni di barili al giorno.

Sul lato dell’offerta, l’OPEC ha alzato le stime sulle forniture dei Paesi che non fanno parte dell'organizzazione di 110.000 barili al giorno a 56,39 milioni di barili al giorno. Le stime sulla produzione dei soli Stati Uniti sono state tagliate di 20.000 barili al giorno a 13,57 milioni di barili al giorno.

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA