General Electric (US3696041033) ha annunciato per lo scorso trimestre ricavi inferiori alle stime di Wall Street. Il conglomerato ha inoltre comunicato che gli ordini sono calati del 6%. Il titolo perde al momento nel pre-borsa lo 0,7%.

L’utile netto si è attestato nel terzo trimestre a $2,03 miliardi, pari a $0,22 per azione, contro $2,51 miliardi, pari a $0,25 per azione, nello stesso periodo del 2015. Su base adjusted l’utile è salito da $0,29 a $0,30 per azione. I ricavi sono aumentati del 4% a $29,27 miliardi (+1% su base organica). Gli analisti avevano previsto un utile di $0,30 per azione e ricavi di $29,64 miliardi.

La positiva performance delle attività nei settori aeronautico e energetico e sanitario ha spinto la crescita dei ricavi, mentre le unità Oil and Gas e trasporti hanno registrato di nuovo un calo. L’utile del segmento industriale è calato del 4,6% a $4,32 miliardi.

General Electric ha tagliato le sue stime sui suoi ricavi nel 2016. Il gruppo industriale prevede ora una crescita organica tra lo zero e il 2%, contro una crescita tra il 2% e il 4% attesa precedentemente. Le stime sull’utile sono state riviste da $1,45 - $1,55 a $1,48 - $1,52 per azione.

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA