Quotazione oro: Settimana brillante, ma analisti divisi sul futuro

Quotazione oro: Settimana brillante, ma analisti divisi sul futuro
© Shutterstock

L'oro ha beneficiato del calo del dollaro e dei rendimenti dei Treasury dopo che i segnali inviati dalla Fed sono stati meno da "falco" del previsto.

CONDIVIDI

La quotazione dell’oro ha chiuso oggi in leggero rialzo. Il future sul metallo giallo con scadenza aprile ha guadagnato al Comex lo 0,3% a 1.230,20 dollari l’oncia. Durante l’intera settimana l’oro si è apprezzato del 2,4%. Si tratta della miglior performance settimanale da inizio febbraio.

Il prezzo dell’oro ha beneficiato questa settimana del calo dei timori relativi alla politica monetaria della Federal Reserve. Come scontato, l’istituto guidato da Janet Yellen ha alzato mercoledì scorso i suoi tassi d'interesse di 0,25 punti base, le sue proiezioni sul resto dell’anno sono state però meno aggressive del previsto. Il dollaro ed i rendimenti dei Treasury hanno di conseguenza ritracciato significativamente.

Il Dollar Index ha perso in settimana più dell’1%. Un dollaro più debole è un fattore positivo per l’oro, che è denominato nel biglietto verde, perché lo rende meno caro per chi possiede altre valute. Il rendimento del Treasury a dieci anni, che all’inizio della settimana era salito oltre al 2,60%, è attualmente pari al 2,50%. Visto che l’oro non paga interessi, un calo dei rendimenti lo rende più attrattivo presso gli investitori.

Gli analisti non sono concordi nel giudicare le ulteriori prospettive del metallo giallo. Amplify Investments, per esempio, è ottimista perché si attende un ulteriore indebolimento del dollaro. La casa d’investimento crede inoltre che l’effetto Trump sui mercati finanziari continuerà ad affievolirsi perché i processi legislativi freneranno o fermeranno molte delle iniziative del nuovo presidente.

Di tutt’altro avviso è FXTM, secondo cui l’approccio della Fed potrebbe diventare più aggressivo se Trump dovesse riuscire ad implementare alcune delle sue misure volte a spingere la crescita economica. In questo caso la pressione sulla quotazione dell’oro dovrebbe aumentare significativamente.

Tra gli altri principali metalli, l'argento ha guadagnato oggi lo 0,5% a $17,41 l’oncia (+2,9% in settimana), il rame lo 0,5% a $2,692 per libra (+3,7% in settimana), il palladio l’1,2% a $775,80 l’oncia (+4,1% in settimana) e il platino lo 0,5% a $963 l’oncia (+2,6% in settimana).

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions