Davanti a se l'auto elettrica Tesla ha un bivio non certo trascurabile: divenire il nuovo mito americano, la nuova "grande cosa" dell'industria a stelle e strisce o... rappresentare una pericolosa bolla speculativa, con evidente frana delle quotazioni del titolo aziendale, ora spinto in rialzo del 50% da inizio anno, e in grado di condurre la capitalizzazione di Borsa della società di Elon Musk oltre i livelli di Ford, di General Motors e di BMW?

A sentire quel che dice il carismatico e visionario fondatore e amministratore delegato dell'azienda, sarebbe probabilmente opportuno... agire con cautela. Intervistato recentemente sui grandi risultati (di Borsa) ottenuti dalla compagnia, Musk si è infatti detto sorpreso da quanto avvenuto ("a volte le attese vanno fuori controllo" - ha dichiarato), per poi aggingere che attualmente le azioni della società operante nel comparto della mobilità elettrica sono scambiate a un valore "più alto di quanto ci meritiamo".

Insomma, una doccia fredda che ha spento - ma solo per qualche minuto - i fuochi dei facili entusiasmi degli investitori, e ha contribuito a riportare con i piedi per terra chi vede in Tesla una gallina dalle uova d'oro.

Ad ogni modo, Musk non è certo l'unico a ritenere che la sua creatura sia un po' gonfiata. Qualche settimana fa Goldman Sachs pubblicò un report nel quale esprimeva evidente scetticismo sulla capacità dell'azienda di raggiungere i propri obiettivi di produzione, abbassando così il target price a 200 dollari. Eppure, nemmeno questo alert è servito ad allontanare una parte degli investitori da Tesla: avranno ragione loro, o saranno destinati a svegliarsi con qualche brutta sorpresa finanziaria?

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA