Quanto durerà l'aumento del prezzo dell'oro? Questa domanda sta agitando le strategie trading di molti investitori che hanno in portafoglio il metallo giallo o che comunque sono soliti investire sull'oro attraverso il trading di CFD. La quotazione dell'oro oggi ha abbattuto il muro (soprattutto psicologico e non tecnico) dei 1300 dollari l'oncia. Mentre scriviamo il prezzo dell'oro è salito fino a 1304 dollari l'oncia mettendo così nel mirino nuove resistenze.

Andando a guardare il grafico relativo alla quotazione oro, si nota un generale apprezzamento del prezzo del metallo giallo nelle ultime sedute. Più precisamente il momento in cui il prezzo dell'oro ha subito una accelerazione di rilievo coincide con il giorno di pubblicazione del dato sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti. L'aumento inferiore alle attese di questo dato macro, ha determinato l'instaurarsi di una dinamica positiva sulle quotazioni dle bene rifugio per eccellenza. Le vendite al dettaglio nel mese di riferimento sono infatti aumentate dell'1,6% contro il +1,7% messo in conto dagli analisti. La delusione per l'andamento inferiore alle attese ha determinato un indebolimento del Dollaro, per quello che riguarda i cambi, e un rafforzamento dell'oro, per quello che invece riguarda le materie prime.

Oggi il trend rialzista del prezzo dell'oro si è ulteriormente consolidato a seguito di una serie di elementi che hanno impattatto in modo negativo sul sentiment degli investitori. La situazione molto confusa in Spagna, con il destino della Catalogna che non è ancora chiaro, la tensione tra Usa e Corea del Nord nonchè i nervi tesi tra Usa e Iran hanno determinato un principio di fuga dai tradizionali assets. Come è tipico di quest situazioni, infatti, gli investitori reagiscono alle cattive notizie, puntando suo beni rifugio come l'oro.

Se i motivi alla base del rally sono chiari, altrettanto non si può dire per quello che riguarda la possibile durata di questo rally. dal punto di vista grafico, un target a portata di mano potrebbe essere collocato a 1310 dollari l'oncia. Se l'aumento del prezzo dell'oro dovesse proseguire oltre questo target, nuove resistenza potrebbero essere identificate in area 1324 dollari l'oncia. Secondo alcuni traders questo target è posto troppo in alto anche perchè non è detto che non subentri un deprezzamento causato dalle fisiologiche prese di profitto. In questo caso, un primo supporto potrebbe essere quello in area 1300 dollari l'oncia. Se lo short dovesse portare la quotazione dell'oro al di sotto di questo livello, allora un nuovo supporto potrebbe essere collocato dal punto di vista grafico ai minimi da due mesi ossia 1260 dollari l'oncia. 

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA