Previsioni Dollaro, continua a pesare l’incertezza sulla riforma fiscale

dollaro

Nuove previsioni sull'andamento del dollaro in questa parte finale d'anno.

CONDIVIDI

Sullo sviluppo delle quotazioni del dollaro continua a pesare l’incertezza sulla riforma fiscale a stelle e strisce. Diversi senatori hanno già fatto sapere di conservare molte riserve sulla versione della riforma tributaria attualmente in discussione nelle commissioni del Senato, dichiarando di non avere ancora deciso come votare, e alimentando così nuove aleatorietà sull’esito del provvedimento.

Tra le richieste di modifica più frequenti si nota una concentrazione sul rialzo dell’aliquota di tassazione delle imprese dal 20% al 22%, che potrebbe compensare di evitare l’eliminazione della detrazione delle imposte locali e statali. Inoltre, critiche sono state espresse circa l’eliminazione dell’obbligo di avere un’assicurazione sanitaria, previsto dalla versione di riforma del Senato, che porterebbe a rialzi dei premi e minori trasferimenti alle famiglie a reddito basso. A detta di diversi opinionisti, se la versione rimarrà quella attuale, potrebbe rendersi necessario introdurre dei sussidi per il pagamento dei premi più elevati.

Per quanto concerne il timing del provvedimento, è possibile che il Senato possa votare in aula il testo della riforma la prossima settimana, ma ci sono dubbi sulla tenuta della maggioranza. Tra i voti contrari uno è già stato espresso (Johnson), ma alcuni altri potrebbero aggiungersi in maniera non espressa, rendendo così arduo il passaggio di tale versione (i repubblicani hanno una maggioranza di solo due voti).

Sul fronte macro, gli unici dati in uscita a cavallo tra la scorsa settimana e l’inizio di questa sono stati quelli relativi ai nuovi cantieri residenziali, che a ottobre sono aumentati a 1290 mila unità, da 1135 mila unità di settembre (dato a sua volta rivisto dalla precedente stima di 1127 mila unità), sui massimi da agosto 2007 (che erano stati toccati solo a ottobre 2016).

Si noti come il rialzo sia diffuso sia alle unità unifamiliari sia a quelle multifamiliari, e rappresenta un recupero dopo tre correzioni consecutive, in gran parte spinte dagli effetti degli uragani negli stati meridionali. Anche le licenze risultano essere in decisa crescita, a 1297 mila unità contro le 1225 mila unità del mese di settembre, e indicano una probabile ripresa degli investimenti in costruzioni nel quarto trimestre dopo due trimestri deboli.

Dalla Fed intanto giungono dichiarazioni abbastanza confortanti sulle decisioni che verranno assunte nel meeting di dicembre (sempre più probabile il nuovo rialzo tassi fed funds). Kaplan ha infatti affermato di ritenere l’economia sia vicina al pieno impiego e che l’inflazione sia frenata da fattori strutturali, senza però soffermarsi a commentare sul sentiero atteso dei tassi. Kaplan ha altresì aggiunto che Powell potrà essere una ottima guida per la Federal Reserve e che il cambiamento di leadership può anche essere un’occasione per rivedere le strategie e le regole della banca centrale.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions