Fed, Yellen invia lettera di dimissioni

fed

Janet Yellen ha inviato la lettera di dimissioni da membro del Board della Fed.

CONDIVIDI

Yellen ha inviato una lettera al presidente dell’amministrazione statunitense Donald Trump, in cui – come era prevedibile - rassegna le proprie dimissioni da membro del Board a partire dal momento in cui Powell, nominato presidente della Fed, si sarà insediato nella sua nuova posizione.

Ricordiamo – ne abbiamo parlato più volte nel corso degli ultimi mesi – che il mandato di Yellen come presidente della Federal Reserve scade a febbraio 2018 e quello di membro del Board arriva fino al 2024. Tuttavia, difficilmente Yellen avrebbe accettato di essere sostituita rimanendo come membro del Board, e le dimissioni sono dunque un gesto facilmente immaginabile, e conseguente.

Si tenga ora conto che la nomina ufficiale di Powell richiede un voto in Senato, che potrebbe venire con l’anno nuovo, dato che l’agenda congressuale al momento è completamente bloccata dal faticoso dibattito sulla riforma tributaria, e che i lavori chiuderanno per l’interruzione natalizia il 15 dicembre.

Abbiamo altresi già rammentato a suo tempo che con le dimissioni di Yellen, sale a 4 il numero di posti vacanti nel Board. Entro breve Trump avrà nominato al Board 5 membri su 7 (Quarles, vice-presidente per la regolamentazione, si è infatti già insediato questo mese).

Rimanendo sempre all’interno del recinto delle banche centrali, segnaliamo che come da attese Draghi è intervenuto a Bruxelles dichiarando che la BCE non ha ancora raggiunto il target di inflazione e che l’estensione dello stimolo monetario decisa a ottobre si rivela essere ancora necessario.

Draghi ha poi aggiunto che l’APP è da intendersi come sufficientemente flessibile, e che dunque potrebbe essere adattato nel prossimo futuro qualora si renda necessario farlo. Ad ogni modo, la

BCE – ha specificato il numero 1 dell’Eurotower - intende attenersi alla regola degli acquisti in base alle quote capitale il più possibile. Draghi ha altresì discusso sull’assicurazione comune dei depositi indicando che questa è legata ad una riduzione dei portafogli di crediti deteriorati.

Draghi si è poi dichiarato favorevole all’introduzione di limiti, temporanei, al ritiro dei depositi nel caso in cui un istituto di credito è soggetto a risoluzione bancaria.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions