Se continua di questo passo sarà difficile trovare qualche analista disposto a restare intransigente nel suo pessimismo verso il Bitcoin. L'ultimo giro di valzer ha infatti quasi dell'assurdo ma si tratta di un assurdo che spiega perchè il prezzo del Bitcoin non manifesti segni di cedimento. Nel giorno in cui la quotazione BTC ha sfondato anche il record degli 8200 dollari salendo fino a 8300 dollari, negli ambienti dei traders non si fa che parlare del drastico cambio di rotta avvenuto dalle parti di JP Morgan. Sui forum e sui broker di social trading, infatti, tutti si interrogano su quello che ci sia di vero nelle indiscrezioni in arrivo dagli Stati Uniti secondo cui l'intransigente JP Morgan avrebbe cambiato completamente registro nei confronti delle prospettive del Bitcoin.

Mentre due mesi fa il numero uno della banca d'affari americana, Jamie Dimon, si prodigava ad affermare che la quotazione BTC sarebbe presto esplosa, adesso la stessa JP Morgan starebbe addirittura pensando a come assistere i proprio clienti interessati ad investire nei prossimi futures sul Bitcoin che la Borsa di Chicago ha intenzione di lanciare a breve. L'apertura di JP Morgan verso il BTC non deve comunque stupire. Nei due mesi che passano dall'invito-appello del Ceo a guardare con diffedenza al Bitcoin ad oggi è successo praticamente di tutto con la quotazione BTC che, pur nell'ambito di un contesto ad alta volatilità come quello che caratterizza le criptovalute, ha registrato un forte apprezzamento. Il fatto che JP Morgan, come riportato dal Wall Street Journal, stia aprendo al Bitcoin non deve però neppure essere sopravvalutato spingendo ad un long intransigente nel trading online. Molto probabilmente, infatti, la conversione di JP Morgan è frutto delle nuove necessità che si sono venute a creare. Se, infatti, la tendenza è quella che va verso il lancio di un future sul Bitcoin, allora JP Morgan ha tutto l'interesse a non perdere questa occasione. 

E' comunque inutile negare che il cambio di posizione della banca americana sarà un punto a favore (ulteriore) per il Bitcoin. Il grafico storico sull'andamento del prezzo del Bitcoin, infatti, dimostra che maggiore è consenso sociale verso la criptovaluta, più spedito è l'apprezzamento. Tra l'altro la quotazione BTC è oramai così forte che gli stessi attacchi hacker sulle piattaforme, l'ultimo ieri, determinano solo leggeri arretramenti in un contesto che resta comunque rialzista. E proprio le continue progressioni positive determinando una foret crescita della capitalizzazione del BTC che è oramai arrivata a 138 miliardi di dollari. 

A cura di Redazione Borsainside © RIPRODUZIONE RISERVATA