Debito pubblico italiano mai così alto, aggiornamento storico dopo dati di febbraio 2019

La corsa del debito pubblico italiano non si ferma. Nel mese di febbraio 2019, infatti, l’indebitamento pubblico dell’Italia ha raggiunto un nuovo livello record salendo a quota 2.363 miliardi di euro contro i 2.293,6 miliardi del mese di febbraio 2018. Il nuovo rally del debito pubblico ha inevitabilmente determinato un ulteriore peggioramento del quadro storico che certamente non fa bene all’economia Italia. A rendere noti oggi 15 aprile gli aggiornamenti sul debito pubblico dell’Italia è stata la Banca d’Italia nel Supplemento “Finanza pubblica: fabbisogno e debito“. E’ significativo annotare che se fino a ieri il record del debito pubblico spettava al mese di gennaio, adesso è il mese di febbraio a ricoprire questo poco felice primato. Comunque il fatto che ci sia stato un ulteriore incremento del debito pubblico con il raggiungimento di nuovi record, conferma l’idea secondo cui sia oramai in atto un vero e proprio trend rialzista dell’indebitamento pubblico nazionale

Il nuovo aumento del debito pubblico in Italia è stato di poco conto nel confronto con i 2.363,5 di gennaio 2019. Viceversa l’incremento è stato più significativo nel confronto con il mese di dicembre 2018, quando l’ndebitamento pubblico dell’Italia era pari a 2.321,9 miliardi.
Via Nazionale ha precisato che i nuovi dati aggiornati sul debito pubblico incorporano revisioni di portata limitata che sono state affettuate nell’ambito della Notifica trasmessa lo scorso 8 aprile alla Commissione europea all’interno della più vasta Procedura per i disavanzi eccessivi.
Considerando i dati che erano stati comunicati lo scorso 15 marzo, il debito pubblico italiano è stato rivisto al rialzo di 0,8 miliardi nel 2016 mentre nel 2017 la revisione è stata al rialzo di 5,5 miliardi e nel 2018 c’è stata una revisione al rialzo di 5,3 miliardi. Sempre nello stesso comunicato stampa la Banca d’Italia ha precisato che le revisioni riflettono soprattutto l’incremento del perimetro delle Amministrazioni pubbliche definito dal’Istat in accordo con Eurostat.
Oltre al dato sul debito pubblico italiano, nel Bollettino della Banca d’Italia è presente anche un aggiornamento delle entrare tributarie. L’indicatore nel mese di febbraio 2019 ha segnato un calo a 28,93 miliardi di euro. A gennaio 2019 le entrare tributarie erano state pari a 34,5 miliardi di euro mentre a febbraio 2018 erano ammontate a 29,43 miliardi di euro.

Dopo l’aggiornamento sul debito publico dell’Italia a febbraio 2019, il Ftse Mib non ha segnato variazioni di rilievo e, mentre è in corso la scrittura del post, segna una progressione dello 0,42 per cento a quota 21949 punti. In pole position ci sono sempre le banche con BPER Banca e Banco BPM avanti del 2,2 per cento. A seguire le azioni Unicredit con un rialzo del 2 per cento. 

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Macroeconomia

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.