La Borsa di Tokyo chiude contrastata, male i bancari

Il Nikkei ha guadagnato lo 0,2%, il Topix ha perso invece lo 0,4%. Bene petroliferi e farmaceutici.

CONDIVIDI
La Borsa di Tokyo ha chiuso oggi contrastata. Il Nikkei ha guadagnato lo 0,2% a 15.821,19 punti, il Topix ha perso invece lo 0,4% a 1.522,87 punti. Sul mercato azionario giapponese ha continuato a pesare l'incertezza sulla situazione politica dopo che ieri Shinzo Abe ha annunciato le sue dimissioni da capo del governo. Le vendite hanno colpito anche oggi in particolar modo i bancari. Mitsubishi UFJ Financial (JP3902900004) ha perso il 2%, Mizuho Financial Group (JP3885780001) il 2,9% e Sumitomo Mitsui Financial Group (JP3890350006) il 3,4%. Bene invece i petroliferi ed i titoli delle grandi holding commerciali. Ieri il prezzo del petrolio ha superato a New York per la prima volta nella sua storia la soglia degli $80 al barile. Tra i petroliferi Nippon Oil (JP3679700009) ha guadagnato il 2,2%, Inpex (JP3294430008) il 3,5% e Cosmo Oil (JP3298600002) l'1,3%. Tra i titoli delle grandi holding commerciali Mitsui & Co. (JP3893600001) ha chiuso in rialzo del 3,6%, Mitsubishi Corp. (JP3898400001) del 2,2% e Sumitomo Corp. (JP3404600003) del 2,5%. Seduta positiva anche per il settore dell'industria farmaceutica. Secondo quanto riporta il quotidiano finanziario "Nikkei" le quattro principali imprese giapponesi del comparto potrebbero acquistare quest'anno propri titoli per più di ¥300 miliardi. Takeda (JP3463000004) ha guadagnato l'1,9%, Astellas Pharma (JP3942400007) il 2,7% e Daiichi Sankyo (JP3475350009) l'1,6%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption