La Borsa di Mumbai limita le perdite dopo il crollo in apertura

Dopo aver perso temporaneamente più del 9% il Sensex ha chiuso infine in ribasso di "solo" l'1,8%.

CONDIVIDI
Dopo essere crollata in apertura ed essere stata ferma temporaneamente per eccesso di ribasso la Borsa di Mumbai ha potuto registrare un forte recupero. Il Sensex, il principale indice indiano di borsa, ha chiuso in calo di "solo" l'1,8% a 18.715,82 punti. Poco dopo l'inizio delle contrattazioni il Sensex era crollato di più del 9% a circa 17.300 punti. La pioggia di vendite era scattata in seguito alla decisione del Securities & Exchange Board of India (abbr. SEBI), l'organo di vigilanza della borsa indiana, di limitare gli acquisti di titoli da parte degli investitori stranieri. Negli ultimi tempi gli investimenti di capitale dall'estero sul mercato finanziario indiano, soprattutto da parte degli hedge funds, sono aumentati notevolmente con la conseguenza che la rupia si è apprezzata da gennaio di più del 10% rispetto al dollaro. Questa circostanza sta penalizzando le esportazioni dell'India, soprattutto nel settore dell'information technology. Dopo la sospensione degli scambi a Mumbai Palaniappan Chidambaram, il Ministro indiano delle Finanze, ha potuto rassicurare gli investitori indicando che l'azione della SEBI era importante nell'immediato per regolare i flussi di capitale. Il Governo indiano non avrebbe altrimenti alcuna intenzione di limitare gli investimenti dall'estero.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro